Questo sito contribuisce alla audience de

Goggia promossa, ma la sua stagione comincia a St. Moritz: "In gigante mi manca ancora un po' di continuità"

Foto di Redazione
Info foto

Pentaphoto

Sci Alpinocoppa del mondo femminile

Goggia promossa, ma la sua stagione comincia a St. Moritz: "In gigante mi manca ancora un po' di continuità"

Sofia ottima protagonista anche a Mont-Tremblant, per la classifica generale di CdM potrà diventare un fattore se riuscirà ad essere vincente anche in super-g, la sua vera missione quest'anno. I suoi pensieri a poche ore dall'arrivo (martedì mattina) nella località dell'Engadina dove mercoledì ci sarà la prima prova di discesa.

E' una Sofia Goggia da promuovere a pieni voti, quella vista sinora in gigante se pensiamo, dopo il buon debutto di Soelden (16esima), alle tre top ten consecutive tra Killington (nona) e Mont-Tremblant, dove ha terminato settima e decima nello scorso week-end.

Certo, siamo lontani dai risultati super del 2016/17, compreso il bronzo mondiale nella specialità, ma è un lavoro di crescita fondamentale anche per le discipline veloci, lo ribadisce sempre la campionessa olimpica che punta forte soprattutto sul super-g, dove vuole lottare per la sfera di cristallo. In realtà, se Sofia sarà la solita in discesa e avrà una certa continuità appunto anche in SG, è la coppa generale che rimane sempre nei pensieri, anche se la marziana Shiffrin parte un passo avanti.

Ora comincia la missione Sankt Moritz, vero opening della velocità (con due super-g e una discesa) dopo le cancellazioni di Zermatt-Cervinia: il meteo è un po' a rischio, e nella località elvetica non è certo una novità, per le giornate di venerdì e sabato, mentre già mercoledì ci sarà la prima delle due prove in programma (le condizioni dovrebbero essere buone).

In Engadina, la fuoriclasse bergamasca ha vinto due volte, in super-g nel 2019 bruciando per un solo centesimo Federica Brignone (che ieri l'ha di nuovo “staccata” in vetta alla classifica delle italiane plurivittoriose in gare di CdM) dopo aver fatto numeri da circo perdendo pure un bastoncino, e di nuovo con una gara folle lo scorso anno. Ricorderete tutti, 24 ore dopo essersi fratturata una mano nella prima discesa, accorciata e conclusa al 2° posto dietro ad Elena Curtoni, Sofia trionfò nella sfida bis, sempre della disciplina regina.

Il bilancio della trasferta americana è super positivo – il commento odierno a mezzo social di Goggia, poco prima di ripartire direzione Europa – Si torna a casa con tre top ten, l'unica cosa che posso rimproverarmi è stato l'atteggiamento di ieri nella prima manche, dove sicuramente avrei potuto e dovuto osare di più, ma come dice il Babi (Barnaba Greppi, il suo skiman), “non tutte le ciambelle escono con il buco”.

Detto ciò, la mia valutazione presenta una visione più ampia e globale, credo siano evidenti i progressi in questa disciplina nonostante sia la prima ad ammettere che c'è ancora tanto lavoro da fare e forse ciò che ancora più mi manca è la continuità, l'intensità del ritmo delle due manches, mi auguro possano arrivare con il proseguo della stagione; in fondo, per me, negli ultimi due anni la Decenza era agli antipodi della parola Gigante.

Chapeau a Federica per questo back to back, torniamo a casa stasera tra volo in ritardo e connessioni perse, servizio lavanderia notturno e domattina si va a Sankt Moritz: ci aspettano due settimane con sci ai piedi più lunghi di 2 metri...”.

Dopo le sfide su nevi rossocrociate, infatti, ci saranno discesa e super-g in Val d'Isère, altro sito caro alla campionessa olimpica che sulla Oreiller-Killy ha timbrato tre volte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
673
Consensi sui social

Super-G Femminile St. Moritz (SUI)

1° Pos.GOGGIA Sofia

ITA

2° Pos.HUETTER Cornelia

AUT

3° Pos.GUT-BEHRAMI Lara

SUI

Discesa Femminile St. Moritz (SUI)

1° Pos.SHIFFRIN Mikaela

USA

2° Pos.GOGGIA Sofia

ITA

Super-G Femminile Replaces: St. Moritz Altenmarkt-Zauchensee (AUT)

Più letti in scialpino

Start abbassato e rinviato per l'unica prova a Kvitfjell, dove nevica ancora: tentativo dalle ore 12.30

Start abbassato e rinviato per l'unica prova a Kvitfjell, dove nevica ancora: tentativo dalle ore 12.30

Condizioni di nuovo difficili in Norvegia, spostata di un'ora e mezza la partenza (si perderanno una quindicina di secondi, che non vedremo quindi neppure in gara) nella speranza di portare a casa il training necessario per disputare sabato la discesa. Otto azzurre in pista, la prima Brignone con il 7 dopo Gut-Behrami e poi Bassino (12) e Pirovano (con il 14).