Venerdì 19 Luglio, 14:06
Utenti online: 472
Max Valle
Max Valle
Giornalista professionista

foto di Fisi Pentaphoto

Sofia Goggia: "E' stato bellissimo rientrare, sono scesa senza dolore"

Sofia Goggia: 'E' stato bellissimo rientrare, sono scesa senza dolore'

Tratte da fisi.org le dichiarazioni delle azzurre e degli azzurri impegnati nel weekend di gare di Coppa del Mondo a Garmisch-Partenkirchen e a Kitzbuehel.

Sofia Goggia: "È stata una giornata molto tranquilla, chiaramente senza aspettative. Ho avuto tutta la mattina un sorriso incredibile stampato in faccia. Ho provato proprio gioia a fare la ricognizione e ad assaporarmi ogni faccia del circuito, perché mi mancavano tutti dal primo all'ultimo. È stato bellissimo rientrare, è stato bellissimo anche fare riscaldamento con tutte le altre, tornare in squadra e nei ritmi di Coppa del Mondo che tanto mi sono mancati. La prova è andata bene: c'erano due salti e le prime sono decollate. Hanno rispettato le consegne che ci hanno dato i tecnici, cioè frenare prima dei salti. Ho tirato dei traversoni incredibili e poi gli altri pezzi li ho sciati in modo tranquillo. Ma ho fatto una prova abbastanza tranquilla ovunque, me la sono presa piuttosto comoda e sono molto contenta della tenuta fisica, perché non ho avuto male al perone, sebbene la frattura sia ancora un po' aperta e si stia consolidando. Il rendimento fisico è stato buono, non ho avvertito nessuna stanchezza, quindi sono stata molto contenta. Ero tranquilla dentro di me, consapevole e matura. Buona la prima, dunque. Oggi mi studierò le linee, domani limano ancora i salti, quindi possiamo farli tutti, anche perché è una prima prova da prendere con le pinze, perché tutte hanno frenato, chi più chi meno, quindi non conta niente. Va benissimo così".  

Federica Brignone: "Si è trattato di un allenamento strano non bisogna guardare tropo i tempi perché c'erano due salti in cui la nostra squadra ha deciso di frenare appositamente per non rischiare, ma anche fra le altre avversarie c'è chi ha saltato la porta oppure è passata di fianco. Questa pista è fantastica, Garmisch rappresenta una delle piste che preferisco, qui è vinto una medaglia d'argento mondiale in gigante e la neve è un biliardo. Il tracciato gira molto, i margini di miglioramento sono enormi perché nella parte alta sono andata volutamente piano".

Nicol Delago: "Due salti buttavano male, per cui dalla Fis ci hanno consigliato di andare caute, la pista è molto bella e ben preparata, venerdì faremo sicuramente più sul serio in vista delle due gare di sabato e domenica. Lo scorso fine settimana di Cortina non è andato esattamente come speravo, per cui ho ancora maggiore voglia di riscattarmi".

Matteo Marsaglia: "La pista mi piace da sempre, nella prima prova forse avevo un set-up sbagliato arrivando da Wengen, dove c'erano condizioni decisamente diverso. Mi ero spaventato, perché non ero riuscito a stare tanto in piedi e non avevo avuto un grande grip, anche se in alcuni tratti avevo sciato abbastanza bene. Oggi da subito, dalle prime due curve, ho sentito quel feeling che mi piace. Mi sono proprio divertito, ho avuto un po' di fortuna perché noi con i pettorali più alti avevamo migliore visibilità rispetto ai primi. Me la sono proprio goduta, è venuta fuori una bella prova, adesso bisogna ripetersi in gara. Fisicamente sto bene, non lo dico troppo forte perché non porta fortuna. Qui è così dura che partire con l'1 o con il 51 non cambia nulla, la pista si rovina appena appena. La speranza è che il giorno della gara sia coperto, così è uguale per tutti, perché altrimenti con il 51 diventa dura, con gli intervalli lunghi diventa buio. Io mi sto ricostruendo piano piano, sicuramente devo aumentare la zampata, sono sempre più vicino ai trenta, ho racimolato qualche punticino. Mi aspetto due belle gare solide, mi farebbero comodi un paio di piazzamenti nei primi venti".

Dominik Paris: "Anche con sensazioni non bellissime come il primo giorno, sono andato abbastanza veloce e questo dà fiducia. Il segreto per vincere sulla Streif? Devi essere più forte della pista. Dipende dalla giornata, se è quella giusta, qui vai ancora più al limite del solito, l'importante è arrivare senza errori. È importante avere rispetto della pista, perché se sbagli la linea finisci nelle reti. Ma è importante anche avere la fiducia di andare al limite".

Christof Innerhofer: "Oggi ho avuto sensazioni migliori, sono contento di essere riuscito a pensare di più alla sciata e non solo a sopravvivere. Qui le condizioni cambieranno tutti i giorni, non vedremo molto sole, nevicherà e ci sarà la nebbia. Ma se non succede nulla di super strano, i favoriti sono sempre gli stessi: Paris, Mayer, Feuz, Kilde, Reichelt, Kriechmayr. Innerhofer? Io penso solo a sciare bene".

Werner Heel: "Bellissima soddisfazione. Nelle ultime settimane non avevo tanto feeling, qui ho cambiato il set-up e ho avuto subito fiducia e sono fiducioso per la gara di sabato. La pista tiene fino all'ultimo, la visibilità è migliorata per chi partiva con pettorali più alti, ma noi stiamo sciando sempre bene, soprattutto sulle piste più difficili siamo sempre competitivi. Ci vuole solo un po' di fiducia e un po' di calma. Mi aspetto di essere tra i primi trenta, se posso fare anche meglio ben venga. Darò il massimo, non vedo l'ora che arrivi sabato".

Twitter: @aquila1968

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Super-G Maschile Replaces: 25.01.2019 Kitzbuehel (AUT)
PODIO

Nation: GER
Status: ACT

Nation: FRA
Status: ACT

Nation: ITA
Status: ACT
Slalom Maschile Replaces: 27.01.2019 Kitzbuehel (AUT)
PODIO

Nation: FRA
Status: ACT

Nation: AUT
Status: ACT

Nation: FRA
Status: ACT
Discesa Maschile Replaces: 26.01.2019 Kitzbuehel (AUT)
PODIO

Nation: ITA
Status: ACT

Nation: SUI
Status: ACT

Nation: AUT
Status: ACT
Discesa Femminile Replaces: 26.01.2019 Garmisch-Partenkirchen (GER)
PODIO

Nation: AUT
Status: ACT

Nation: ITA
Status: ACT
GER

Nation: GER
Status: ACT
Super-G Femminile Replaces: 27.01.2019 Garmisch-Partenkirchen (GER)
PODIO

Nation: AUT
Status: ACT

Nation: ITA
Status: ACT

Nation: SUI
Status: ACT