Questo sito contribuisce alla audience de

Miracolo Tommy Ford a Beaver Creek: battuti Kristoffersen e Nestvold-Haugen per la prima perla in Coppa

Miracolo Tommy Ford a Beaver Creek: battuti Kristoffersen e Nestvold-Haugen per la prima perla in Coppa
Sci Alpinocoppa del mondo maschile

Miracolo Tommy Ford a Beaver Creek: battuti Kristoffersen e Nestvold-Haugen per la prima perla in Coppa

Lo statunitense domina il secondo gigante stagionale sulle nevi di casa nel giorno nero di Pinturault. De Aliprandini miglior azzurro: 14esimo.

E' di uno straordinario Tommy Ford il secondo gigante maschile di Coppa del Mondo, andato in scena in una giornata davvero tosta per le condizioni meteo a Beaver Creek.

Lo statunitense, alla prima vittoria della carriera a 30 anni (e primo podio, dopo aver ottenuto a Soelden il miglior risultato sino a quest'oggi con il 4° posto nell'opening), si inventa una gara semplicemente formidabile, perfetta sia nella prima che nella seconda manche, resistendo alla pressione di una grande prova di Kristoffersen, in rimonta dalla terza posizione a soli 23 centesimi dal padrone di casa.

Eppure Ford (ora nuovo pettorale rosso nella specialità) non ha gestito proprio nulla, anzi ha incrementato ancora nella manche decisiva, arrivando con la bellezza di 8 decimi sul norvegese, che si prende comunque 80 punti importantissimi in chiave classifica generale di Coppa, nel giorno nero di Alexis Pinturault (17°) e con lo stesso Marco Odermatt fuori dai giochi già prima di metà gara.

La Norvegia piazza un altro uomo sul podio, con l'eterno Leif Kristian Nestvold-Haugen che torna in top 3 dopo oltre due anni e mezzo (2° a Kranjska Gora nel marzo 2017, sempre in gigante), per il secondo podio della carriera nel massimo circuito. E' stata una sfida dalle mille sorprese, tra nebbia, neve e pure qualche raggio di sole su una Birds of Prey che ha visto Zan Kranjec confermarsi dopo il 3° posto di Soelden; lo sloveno chiuderà quarto, davanti alla coppia francese formata da Muffat-Jeandet e Faivre, con Trevor Philp gran 7°, Filip Zubcic 8° (dalla 17esima piazza) davanti agli svizzeri Gino Caviezel e Justin Murisier a chiudere la top ten, mentre Ted Ligety è sceso dalla quarta posizione della 1^ manche sino all'11esima finale.

Il miglior azzurro? Come a Soelden è risultato Luca De Aliprandini, 14esimo e un po' in ombra rispetto all'8° posto di Soelden: 15esimo dopo la prima manche, il trentino non ha esaltato neppure nella run decisiva, arrivando a 3 secondi netti dalla vetta e appena alle spalle di Cyprien Sarrazin, che nella seconda ha rimontato la bellezza di 17 posizioni dopo la qualifica al... pelo.

In casa Italia arrivano anche i primi punticini in Coppa del Mondo per Hannes Zingerle, 27esimo e già bravissimo a qualificarsi col pettorale 48, mentre Riccardo Tonetti è uscito nella seconda manche dopo il 22° tempo nella prima, con Moelgg che era deragliato nella prima e il quartetto Paris, Bosca, Maurberger e Ballerin non si era qualificato.

Da sottolineare, infine, anche il 19° posto di Matthias Mayer che difende in qualche modo la leadership di Coppa del Mondo.


CLICCA QUI PER IL RISULTATO COMPLETO


CLASSIFICA GIGANTE MASCHILE BEAVER CREEK


Tommy Ford in 2'31”25

Henrik Kristoffersen + 0”80

3° Leif Kristian Nestvold-Haugen + 1”23

4° Zan Kranjec + 1”75

5° Victor Muffat-Jeandet + 1”78

6° Mathieu Faivre + 2”06

7° Trevor Philip + 2”09

8° Filip Zubcic + 2”10

9° Gino Caviezel + 2”31

10° Justin Murisier + 2”39

11° Ted Ligety + 2”64

12° Matts Olsson + 2”71

13° Cyprien Sarrazin + 2”87

14° Luca De Aliprandini + 3”00

15° Lucas Braathen + 3”06

27° Hannes Zingerle + 4”61

34° Andrea Ballerin + 3"80

36° Dominik Paris + 3"91

40° Giulio Bosca + 4"32

42° Simon Maurberger + 4"52

DNF2 Riccardo Tonetti

DNF1 Manfred Moelgg


© RIPRODUZIONE RISERVATA
330
Consensi sui social