Questo sito contribuisce alla audience de

Pietro Sighel cade nella finale dei 500 metri, vince Shaoang Liu

Pietro Sighel cade nella finale dei 500 metri, vince Shaoang Liu
Info foto

Getty Images

Short Trackpechino 2022

Pietro Sighel cade nella finale dei 500 metri, vince Shaoang Liu

Dopo la medaglia di Bronzo ai Campionati Mondiali di Dordrecht e l'Argento dell'altro giorno nella Staffetta Mista, Pietro Sighel conquista a 22 anni la prima finale olimpica della sua carriera ma cade mentre è in lotta per il Bronzo. 

Nei quarti di finale Pietro Sighel si mette sin dalla partenza in scia al cinese Wu Dajing e mette in difficoltà l'unghererese Shaolin Sandor Liu rintuzzando nell'ultima curva il suo tentativo di attacco, Secondo posto per l'azzurro che passa in semifinale.

Nella prima semifinale, il ventiduenne di Baselga di Pinè  parte dal quarto rango e trova a due giri dal termine il varco per superare il kazako Nikisha e il russo Sitnikov che lo insidia nella spaccata finale: ha la meglio l'azzurro per un millesimo e, con il vincitore, il russo Ivliev si qualifica per la finale dove troverà anche Shaoang Liu, il kazako Azhgaliyev e il canadese Dubois avanzato per decisione della giuria. 

Finale. Sighel si ritrova a partire all'esterno l'azzurro è quinto e battaglia con Azhgaliyev ma, mentre è all'attacco, alla penultima curva cade e chiude in quinta posizione. Oro all'ungherese Liu Shaoang davanti dall'inizio alla fine, Argento per Ivliev e Bronzo, dopo l'Argento nei 1000 metri, per il canadese Dubois. 

Nella Staffetta femminile, Arianna Fontana, Martina e Arianna Valcepina e Arianna Sighel si impongono nella Finale B mentre nella finale per le medaglie l'Oro va all'Olanda che precede la Corea del Sud e la Cina. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
76
Consensi sui social

Ultimi in Sport invernali

Voci azzurre dall'Atomic Day. Goggia pronta: Dopo la sfida più difficile ora penso a migliorarmi

Voci azzurre dall'Atomic Day. Goggia pronta: Dopo la sfida più difficile ora penso a migliorarmi

La bergamasca stella polare, assieme a Shiffrin e Kilde, dell'incontro con i media nel quartier generale di Altenmarkt. Confermata la preferenza di saltare l'opening di Soelden: Focus su Zermatt/Cervinia. Nadia Delago: Sofia un riferimento, ma in generale mi alleno con una squadra fortissima. Ecco il primo Vinatzer... redster: Penso anche al gigante e a crescere sotto ogni aspetto in slalom, di conseguenza arriveranno i risultati.