Questo sito contribuisce alla audience de

Assicurazione RCT obbligatoria per sciare su tutto il territorio nazionale

Un finale di stagione con ancora tanta neve nel Dolomiti Superski. Ecco tutte le ultime aperture
TurismoDECRETO LEGISLATIVO 40/2021

Assicurazione RCT obbligatoria per sciare su tutto il territorio nazionale

Il Decreto legislativo numero 40 del 28 febbraio 2021 introduce, tra le novità in materia di sicurezza nelle discipline invernali, l’obbligo di assicurazione RCT (Responsabilità civile verso terzi).

L’articolo 30 del Decreto Legislativo 40/2021 recita:

Lo sciatore che utilizza le piste da sci alpino deve possedere una assicurazione in corso di validità che copra la propria responsabilità civile per danni o infortuni causati a terzi.  È fatto obbligo in capo al gestore delle aree sciabili attrezzate, con esclusione di quelle riservate allo sci di fondo, di mettere a    disposizione degli utenti, all’atto dell’acquisto del titolo di transito, una polizza assicurativa per la responsabilità civile  per  danni  provocati  alle persone o alle cose.

La data di entrata in vigore della legge è 1°gennaio 2022. La sanzione di carattere amministrativo  prevista per chi non possiede l’assicurazione va da 100 a 150 euro, oltre al ritiro dello skipass.

Lo sciatore potrà scegliere se acquistare la polizza nel momento in cui compra lo skipass oppure se acquistarla presso le compagnie assicurative.  In passato la Legge 363/03 prevedeva invece soltanto l’obbligo, a carico del gestore degli impianti, di stipulare un “contratto di assicurazione ai fini della responsabilità civile per danni derivabili agli utenti e a terzi per fatti derivanti da responsabilità del gestore”.

È bene sottolineare anche l’articolo 28 del Decreto legislativo che recita:

Nel caso di scontro tra sciatori, si presume, fino a prova contraria, che ciascuno di essi abbia concorso ugualmente a produrre i danni eventualmente occorsi.

Questo vuol dire che molti degli incidenti che avvengono sulle piste, in cui è difficile stabilire un colpevole, vengano trattati come concorso di colpa. Non è quindi garantito che la sola assicurazione RCT basti ed è invece  più  probabile  che  a  rispondere sia la propria assicurazione infortuni, se in possesso, che non è obbligatoria.

Esistono vari tipi di assicurazione che propongono formule diverse: giornaliera, weekend, settimanale, mensile, stagionale.

Tra queste troviamo, per citarne qualcuna, “Travel Ski” della Allianz, l'assicurazione sci che garantisce assistenza sanitaria, responsabilità civile, rimborso del noleggio in caso di furto dell'attrezzatura sportiva. Oppure “Sci Noproblem” della Europ Assistance che, oltre alla responsabilità civile, offre anche la copertura in caso di infortunio, rimborso skipass- lezioni di sci e noleggio sci, e propone formula settimanale, annuale o per tutta la stagione.
O ancora “Vacanze e sport sulla neve” della Ergo Assicurazione Viaggi, una polizza contro gli infortuni e assistenza anche all’interno degli impianti sciistici.

SICUREZZA IN MONTAGNA: ALTRI PROVVEDIMENTI CHE ENTRERANNO IN VIGORE IL 1° GENNAIO 2022:

Vietato sciare sotto l’effetto di alcolici. Bombardino e birra solo a fine giornata

Il casco da sci è obbligatorio sotto i 18 anni

LEGGI ANCHE:

Soccorso sulle piste da sci. Il rebus dell'assistenza, a pagamento o gratuita

L'assicurazione che si acquista con lo skipass, a cosa serve?

Assicurazione sci, perchè conviene averla!

Sport sulla neve: in caso di collisione cosa succede?

© RIPRODUZIONE RISERVATA
2k
Consensi sui social