Questo sito contribuisce alla audience de

Il ruggito di Henrik: "Vittoria fondamentale per la mia stagione". Noel senza rimpianti: "Avrei firmato alla vigilia"

Il ruggito di Henrik: 'Vittoria fondamentale per la mia stagione'. Noel senza rimpianti: 'Avrei firmato alla vigilia'
Info foto

2019 Getty Images

Sci Alpinocoppa del mondo maschile

Il ruggito di Henrik: "Vittoria fondamentale per la mia stagione". Noel senza rimpianti: "Avrei firmato alla vigilia"

A Levi, il norvegese e il francese hanno dato vita al primo grande duello della stagione. Le loro impressioni nel post gara ci dicono che...

Henrik Kristoffersen vs Clément Noel, con gli altri vicini ma... lontani.

Erano i due favoriti della vigilia, per il primo slalom maschile della Coppa del Mondo 2019/2020, e guarda caso hanno concluso davanti a tutti, seppur in una gara tirata, equilibrata (come da tradizione a Levi) e un po' pazza nel finale, con il francese che ha commesso qualche sbavatura di troppo ad inizio muro e ha aperto la porta al trionfo di colui che, sbancando la “Black” per la seconda volta in carriera, si è pure preso la leadership di Coppa del Mondo con 13 punti di margine su un Alexis Pinturault a dir poco disastroso nella 1^ manche e fuori dai 30.

Cancellata Soelden in un colpo solo, Kristoffersen ha ritrovato tutti gli automatismi in slalom, dove non vinceva da oltre 22 mesi (Kitzbuehel, 21 gennaio 2018): “E' un successo fondamentale – ha chiosato Henrik ai microfoni di NRK nel post gara – Non credevo di poter ancora vincere dopo la 1^ manche, ma qui a Levi puoi perderla nel tratto piatto e vincerla sul ripido. Nel mio caso, l'ho portata a casa sul muro...”.

Successo n° 19 in Coppa del Mondo, il 16° in slalom per raggiungere al 4° posto all-time Marc Girardelli, alle spalle di Stenmark (40), Tomba (35) e Hirscher (32): “Ho staccato Kostelic, giusto? - chiede Kristoffersen (anche Raich, a quota 15 con il neo 40enne croato, ndr) – E' una bella cifra, davvero”.

Chi non vuole avere troppi rimpianti è Clément Noel, pensando solo al fatto che poco più di un mese fa, il 22enne di Remiremont era ancora in dubbio se riuscire a recuperare per l'opening di Levi, dopo lo stop del primo periodo autunnale causa mal di schiena. “Proprio così, ho sciato poco e quindi si tratta di un ottimo risultato – le parole del transalpino – Nella seconda ho commesso qualche errore, è vero, ma porto a casa un bel podio anche se è ovvio, a quel punto avrei voluto vincere. Il dolore è sparito sin dagli allenamenti a Tignes, questo è fondamentale pensando al prosieguo della stagione”.

Il duello tra i rapid gates si annuncia già rovente...

© RIPRODUZIONE RISERVATA
93
Consensi sui social