Giovedì 23 Novembre, 12:12
Utenti online: 1349

Tor de Geants 2016

Tor de Geants 2016

Il Tor de Geants – letteralmente “Giro dei Giganti” in patois valdostano – è molto più di una gara di trail ultra xlong: pur non essendo una gara competitiva, infatti, è un’estenuante prova fisica e psicologica che porta gli atleti a misurarsi con se stessi e con la natura selvaggia prima ancora che con gli avversari.

Come sempre, la gara si è svolta interamente in Valle d’Aosta attraversando il territorio di 34 comuni, con partenza e arrivo a Courmayeur. Il tracciato, in sostanza, è un anello lungo circa 340 chilometri per un totale di più di 24.000 metri di dislivello positivo. La prova si è disputata in una sola tappa, con un tempo limite di 150 ore affrontata dagli atleti in regime di semi-autosufficienza.

Il via è stato dato domenica 11 settembre, il primo ha tagliare il traguardo è stato Oliviero Bosatelli, primo vincitore italiano manifestazione.“Il mio obiettivo era quello di terminare la gara, che per me è stata semplicemente una splendida avventura che mi porterò dentro tutta la vita”.

Prima tra le donne è stata Lisa Borzani, trentasettenne bancaria di Teolo,«Non è poi una corsa così mostruosa, ci tenevo a fare bene, ma non mi aspettavo di vincere; quest'anno ho dormito poco, circa un'ora e mezza in totale, distribuita in micro "riposini" di circa quindici minuti». 

Allo scadere delle 150 ore consentite dal regolamento, sono arrivati al traguardo, insieme, gli ultimi due dei 446 concorrenti sui 770 al via.

I Giganti in questione sono Ana Bustamante, spagnola e Giorgio Manoni, italiano, o per essere precisi, un quarantacinquenne romano che vive a Londra.

Video di proprietà dalla VDA Trailers SSDRL 

© RIPRODUZIONE RISERVATA