Questo sito contribuisce alla audience de

Nuove piste e impianti a Ovindoli, il Tar dice no

Ovindoli
AppenniniTerritorio

Nuove piste e impianti a Ovindoli, il Tar dice no

Il Tar dell'Aquila ha annullato oggi le autorizzazioni concesse da Regione Abruzzo e Comune di Ovindoli per la realizzazione di nuovi impianti da sci e relative piste nel comprensorio sciistico di Ovindoli: lo ha fatto sapere con una nota la Stazione ornitologica abruzzese Onlus, secondo quanto riportato dall'agenzia ANSA.

Il ricorso era stato depositato dalle associazioni Salviamo l'Orso, Stazione Ornitologica Abruzzese, LIPU, Mountain Wilderness e CAI. Per le associazioni, "è un'importante vittoria a favore di habitat e specie rarissime protette a livello internazionale. Se le nuove piste fossero state autorizzate, avrebbero comportato lo sbancamento e la distruzione di oltre 10 ettari di rarissimi habitat di prateria di alta quota nel Parco del Sirente Velino con gravissimo impatto sulle specie presenti".

Secondo quanto riportato nella nota delle associazioni, i giudici hanno corretto l'operato del Comitato Valutazione di Impatto Ambientale della Regione Abruzzo e del Comune di Ovindoli. Si riporta il mancato coinvolgimento nella procedura dei Carabinieri-Forestali che gestiscono la Riserva Monte Velino, la valutazione di incidenza ambientale fatta dal geometra comunale privo delle competenze necessarie, l'omissione della nuova valutazione paesaggistica da parte della Soprintendenza dopo che il progetto era stato modificato alla violazione della legge istitutiva del Parco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
73
Consensi sui social

Si parla ancora di Appennini

Appennini

Spettacolo d'Abruzzo: ultima nuotata di stagione per i cervi di Villalago

Dario Puppo, Mercoledì 27 Ottobre 2021
Roccaraso

Rivisondoli Monte Pratello, nuova cabinovia "Fontanile-Vallone"

Michela Caré, Venerdì 17 Settembre 2021
Appennini

Gambarie, la Regione Calabria stanzierà 3,5 milioni per la nuova seggiovia.

Angelo Bonorino, Mercoledì 18 Agosto 2021

Ultimi in Regioni

Il comprensorio Via Lattea venduto a un fondo inglese. Tutti contenti in  Alta Val Susa

Il comprensorio Via Lattea venduto a un fondo inglese. Tutti contenti in Alta Val Susa

Chi verrà saprà fare meglio dell'attuale gestione sono le parole che si sentono in queste ore in Alta Val Susa, dove da alcuni giorni si è sparsa la voce che la trattativa per la vendita della Sestrieres Spa sia in dirittura d'arrivo.