Questo sito contribuisce alla audience de

Tragedia in Sila. Una cabina travolge il responsabile dell’impianto di risalita di Lorica

Cabinovia Lorica
Info foto

Appennini

AppenniniCRONACA

Tragedia in Sila. Una cabina travolge il responsabile dell’impianto di risalita di Lorica

Incidente in Sila. Muore Alessandro Marcelli, responsabile degli impianti di Lorica, mentre effettuava i controlli di routine della cabinovia.

Questa mattina è morto l’ingegnere Alessandro Marcelli, 60 anni, responsabile degli impianti di Lorica, stazione sciistica della Calabria. L'uomo, prima dell'apertura degli impianti, si trovava a valle per effettuare delle verifiche alla cabinovia, quando sarebbe stato colpito da una cabina ed è scivolato battendo violentemente la testa.

L’impianto era stato azionato per i controlli di routine. Inutili i soccorsi sul posto, Alessandro Marcelli è morto subito dopo l’arrivo in ospedale.

In seguito all’incidente, l’impianto di risalita è stato bloccato e i vigili del fuoco hanno proceduto all’evacuazione di sei operai che si trovavano all’interno di due cabine tra i piloni 2 e 6 sospese ad alcune decine di metri dal suolo.

Al momento l’impianto di risalita è chiuso per permettere alle forze dell’ordine di effettuare i rilievi e ricostruire l’accaduto.

Alessandro Marcelli, oltre ad essere direttore di esercizio degli impianti di risalita di Lorica e Camigliatello, era direttore delle infrastrutture e patrimonio delle Ferrovie della Calabria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
113
Consensi sui social

Si parla ancora di Appennini

Appennini

Laceno, sarà la Doppelmayr a realizzare le nuove seggiovie

Michela Caré, Giovedì 28 Aprile
Ovindoli

Nuove piste e impianti a Ovindoli, il Tar dice no

Redazione Turismo, Lunedì 3 Gennaio 2022

Ultimi in Regioni

Lombardia, 3,12 milioni per l’ammodernamento degli impianti di risalita

Lombardia, 3,12 milioni per l’ammodernamento degli impianti di risalita

La Giunta regionale, su proposta del Presidente della Regione Lombardia e dell’Assessore alla Montagna, ha approvato uno stanziamento di 3,12 milioni di euro a fondo perduto per l'ammodernamento e l'efficientamento degli impianti di risalita dei comprensori montani lombardi.