Questo sito contribuisce alla audience de

Short track: azzurri pronti per la seconda tappa di CdM a Salt Lake City, venerdì via alle qualificazioni

Foto di Redazione
Info foto

Getty Images

Short Trackcoppa del mondo 2022/23

Short track: azzurri pronti per la seconda tappa di CdM a Salt Lake City, venerdì via alle qualificazioni

Pietro Sighel guida la nazionale, reduce dal buon esordio di Montréal: dentro Tommaso Dotti e Chiara Betti al posto di Yuri Confortola e Katia Filippi.

Archiviata con due podi la prima tappa di Coppa del Mondo, la Nazionale italiana di short track torna sul ghiaccio per il secondo appuntamento del massimo circuito, previsto da venerdì (con le qualificazioni delle varie gare e le staffette) a domenica a Salt Lake City.

Allo Utah Olympic Oval della città statunitense, gli azzurri si presenteranno con rinnovate ambizioni, a partire da quelle di Pietro Sighel che, in assenza di Arianna Fontana e Martina Valpecina, sarà il faro del team dopo il gran 3° posto nei 500 mt di Montréal: il direttore tecnico delle nazionali tricolori, Kenan Gouadec, coadiuvato dagli allenatori Nicola Rodigari e Derrick Campbell, guideranno 12 atleti con due cambi rispetto alle prove canadesi, visto che faranno l'esordio stagionale Tommaso Dotti, subentrando a Yuri Confortola, e Chiara Betti al posto di Katia Filippi.

Sul ghiaccio di Salt Lake City anche Nicole Botter Gomez (Fiamme Oro), Elisa Confortola (Fiamme Oro), Gloria Ioriatti (Fiamme Oro), Arianna Sighel (Fiamme Oro), Arianna Valcepina (Fiamme Gialle), Mattia Antonioli (C.S. Esercito), Andrea Cassinelli (Fiamme Gialle), Thomas Nadalini (Fiamme Oro) e Luca Spechenhauser (C.S. Carabinieri).

© RIPRODUZIONE RISERVATA
3
Consensi sui social

Si parla ancora di Short Track

Short Track

Short Track: Pietro Sighel si conferma a Salt Lake City

Massimo Brignolo, Lunedì 7 Novembre
Short Track

Pietro Sighel e la staffetta femminile sul podio a Montreal

Massimo Brignolo, Lunedì 31 Ottobre 2022

Ultimi in Sport invernali

Val d'Isère, 8 dicembre 1972 e un esordio leggendario. La nostra intervista a Piero Gros a mezzo secolo di distanza

Val d'Isère, 8 dicembre 1972 e un esordio leggendario. La nostra intervista a Piero Gros a mezzo secolo di distanza

Ricorre un anniversario meraviglioso per la Valanga Azzurra e un campione indimenticabile: al debutto assoluto in Coppa del Mondo, un 18enne piemontese scrive la storia vincendo il gigante del Critérium de la Première Neige, ripetendosi 9 giorni più tardi a Campiglio in slalom, di nuovo con un pettorale altissimo. Abbiamo raggiunto il campione olimpico per farci raccontare, 50 anni dopo, la genesi di quel giorno che darà il via ad una carriera formidabile: Ho capito di andar forte tre mesi prima allo Stelvio con Thoeni, ma non pensavo neppure lontanatamente di potermi giocare la vittoria. Neppure dopo quella 1^ manche....