Questo sito contribuisce alla audience de

Filippo Zamboni ai piedi del podio nel gigante dei Mondiali jr di sci d'erba, Milesi ottima sesta

Foto di Redazione
Info foto

FISI Trentino

Sci d'erbamondiali sci erba

Filippo Zamboni ai piedi del podio nel gigante dei Mondiali jr di sci d'erba, Milesi ottima sesta

A Neudorf, il trentino sfiora un'altra medaglia nel giorno del dominio della Repubblica Ceca con Borak e Rejchrtova. Sabato la chiusura con i due slalom.

Un altro quarto posto, dopo quello ottenuto in super-g due giorni fa, ma con l'oro della super combinata che ancora brilla.

Filippo Zamboni è nuovamente il grande protagonista azzurro ai campionati del mondo juniores di sci d'erba, che termineranno domani a Neudorf con la disputa dei due slalom, e attenzione perchè in quello maschile proprio il ragazzo di Campiglio avrà parecchie chances.

Il giovane trentino oggi ha accarezzato il secondo podio in questa rassegna, tentando la rimonta nella seconda manche di un gigante iridato che ha premiato ancora i talenti della Repubblica Ceca. Titolo a Jan Borak, con 45 centesimi di vantaggio nei confronti del connazionale Ales Knor, con l'austriaco Leopold Schoen terzo a + 0”66 davanti a Zamboni, che ha pagato un ritardo di 97 centesimi.

In casa Italia, bel 7° posto per Roberto Cerentin, 12° per Nicolò Pettini, 14° per Alex Galler e 15° Otto Pasini, mentre Nicolò Schiavetti, vicinissimo al podio nelle prime due gare, è uscito nella 2^ manche.

Anche il gigante femminile ha parlato la lingua ceca, con Eliska Rejchrtova d'oro davanti alle austriache Lara Teynor, seconda con 3 decimi di svantaggio, e Tina Hetfleisch (suo il titolo del super-g) distante 84 centesimi. Ottimo il sesto posto di Federica Milesi, unica azzurra in gara che ha fatto decisamente meglio rispetto a super-g e super combinata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
24
Consensi sui social

Ultimi in Sport invernali

E' una delle gare più attese per l'Italdonne: ecco il super-g, Curtoni prima azzurra col n° 7, Goggia chiude col 20

E' una delle gare più attese per l'Italdonne: ecco il super-g, Curtoni prima azzurra col n° 7, Goggia chiude col 20

Mercoledì dalle ore 11.30 il grande appuntamento mondiale sulla Roc de Fer di Méribel: ognuna delle quattro italiane in partenza può giocarsi medaglia e vittoria, ma la concorrenza è di altissimo profilo a partire dalla campionessa in carica Lara Gut-Behrami (con tracciatura svizzera), al via con l'11 dopo Bassino-Shiffrin e prima di Brignone, che ha pescato il 13.