Martedì 20 Agosto, 22:20
Utenti online: 790
Michela Caré
Michela Caré
Giornalista

foto di Getty Images

Beat Feuz vince la discesa libera di Lake Louise. Quarto Peter Fill

beat feuz

Lo svizzero Beat Feuz vince la prima discesa libera della stagione a Lake Louise con un vantaggio di soli 9 centesimi sull'austriaco Matthias Mayer e di 32 centesimi su un grandioso Aksel lund Svindal.

Qui il risultato completo e l'analisi della gara e le classifiche di Coppa del Mondo!

Il norvegese è rientrato oggi in gara dopo un lungo stop dalle gare. A gennaio 2016 cadde sulla Streif, a Kitzbuhel, rompendosi il crociato del ginocchio destro. Ritornato alle competizioni all'inizio della stagione 2016/2017, ottenendo due podi a Val d'Isere ed uno in Val Gardena, fu costretto a fermarsi nuovamente prima delle gare di Santa Caterina Valfurva per via di un infortunio al menisco, sottoponendosi a una nuova operazione.

La partenza della gara era stata abbassata di circa 50 metri, eliminando il primo salto, per motivi di sicurezza. Al quarto posto troviamo l'azzurro Peter Fill che sfiora il podio per 20 centesimi. Quinto e sesto posto rispettivamente per i norvegesi Kjetil Jansrud Alexander Aamodt Kilde, settimo il francese Adrien Theaux, ottavo lo svizzero Mauro Caviezel, nono e decimo gli austriaci Vincent KriechmayrRomed Baumann. Un ottimo risultato per la squadra norvegese che piazza tre atleti nelle prime dieci posizioni.

Non buona la prova degli altri azzurri. Nei trenta, oltre a Peter Fill, compare solo Dominik Paris al sedicesimo posto. Non prendono punti Christof Innerhofer, 40esimo, seguito da Werner Heel, 41esimo. Ancora più indietro Emanuele Buzzi, 57esimo, Matteo Marsaglia, 61esimo e al rientro nel circuito di Coppa del Mondo dopo aver saltato un'intera stagione, Guglielmo Bosca, 64esimo, e l'esordiente Alexander Past 70esimo. Non ha preso il via il canadese Erik Guay che all'ultimo ha deciso di non partire a causa del mal di schiena.

La squadra francese ha corso con il lutto al braccio per omaggiare il compagno di squadra David Poisson morto lo scorso 13 novembre durante un allenamento a Nakiska.

© RIPRODUZIONE RISERVATA