Questo sito contribuisce alla audience de

Vlhova soddisfatta a metà: "Seconda manche bruttina, ma che bello vincere". Ed è in testa alla coppa

Vlhova soddisfatta a metà: 'Seconda manche bruttina, ma che bello vincere'. Ed è in testa alla coppa
Info foto

2021 Getty Images

Sci Alpinocoppa del mondo femminile

Vlhova soddisfatta a metà: "Seconda manche bruttina, ma che bello vincere". Ed è in testa alla coppa

Con la cinquina a Levi, la slovacca sale a quota 22 successi piegando ancora Shiffrin, che affianca nella classifica generale dopo quattro prove. "Grazie a coach Pini e alla mia famiglia. Il nome della quinta renna? Devo ancora pensarci...".

Due+due, nell'arco di 12 mesi. Quattro vittorie nell'opening di specialità, prendendosi tutti gli slalom disputati in una località, la fredda e isolata Levi, sempre più sua.

Petra Vlhova non si ferma, parte esattamente come nella stagione 2020/21 che le ha portato la Coppa del Mondo assoluta, con un terzo posto in gigante a Soelden e poi la doppietta in Finlandia. Unica differenza, la rinuncia al parallelo di Lech/Zuers che portò a casa nell'autunno di un anno fa, visto che l'obiettivo della slovacca, in questa annata che porterà alle Olimpiadi, è quello di selezionare gli eventi e non pensare ossessivamente alla coppa.

Ad ogni modo, Petra è già davanti a quota 260 punti, alla pari di Mikaela Shiffrin che oggi ha di nuovo battuto in maniera abbastanza netta, nello slalom bis che ha confermato la sua solidità, tecnica, fisica e mentale visto che ha dovuto gestire di nuovo la leadership dopo la prima manche, con la statunitense alle calcagna.

La vittoria n° 22 in CdM, la quinta oltre il circolo polare artico (ovviamente record, una in più della stessa Shiffrin), viene vista dalla diretta interessata come una gara comunque non perfetta, almeno nella seconda. “Non mi è piaciuta molto la prestazione in questa manche – ha spiegato Vlhova ai microfoni FIS di Giulia Candiago nel post gara – E' stato difficile anche oggi, ma alla fine sono ovviamente felicissima della vittoria.

Ringrazio il mio allenatore (Mauro Pini, ndr) e la mia famiglia, senza di loro non sarebbe possibile tutto questo. Sono contenta e... non so cos'altro dire!”. La quinta renna non ha ancora un nome: “Questa volta non ci ho pensato – ha spiegato Petra, che ieri aveva indicato il nome del fidanzato Michal per il quarto trionfo a Levi con relativo premio – Avremo tempo per farlo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
111
Consensi sui social