Questo sito contribuisce alla audience de

Un terzetto azzurro per la 2^ manche del gigante di Killington. Bassino: "Pista top, sono abbastanza contenta"

Foto di Redazione
Info foto

2022 Getty Images

Sci Alpinocoppa del mondo femminile

Un terzetto azzurro per la 2^ manche del gigante di Killington. Bassino: "Pista top, sono abbastanza contenta"

Melesi si qualifica, Brignone chiude 13esima e dovrà piazzare un rimontone a partire dalle ore 19.00, mentre la cuneese è lì col 5° a crono a 59 centesimi da Hector. Le sue sensazioni.

Un terzetto azzurro per la seconda manche del gigante di Killington, il primo della Coppa del Mondo femminile che si deciderà, a partire dalle ore 19.00 su disegno austriaco (dopo che la prima manche era stata tracciata da Daniele Simoncelli), con una Sara Hector che pare avere tutto sotto controllo, ma con la sfida per il podio aperta ad almeno cinque atlete che hanno fatto una bella differenza su tutte.

Tra queste c'è anche Marta Bassino che, nonostante un “inciampo” costato qualche decimo all'inizio del muro finale della Superstar dove trionfò 3 anni fa per la sua prima in Coppa del Mondo, si ritrova 5^ a 59 centesimi dalla campionessa olimpica, ma ad un paio di decimi dal secondo posto occupato da Ragnhild Mowinckel. “Sono abbastanza felice della prima manche - ha spiegato Marta al traguardo tramite l'ufficio stampa FISI - C'era tanta curva, si rischiava di andare fuori linea e bisognava avere la pazienza di andare tanto in fuori e deformare lo sci, perchè non c'era velocità.

La pista è stupenda, mi concentro per la seconda manche”.

Run decisiva nella quale vedremo anche Federica Brignone, delusa però dal suo 13° tempo con 1”59 da recuperare a Hector e chiamata quindi ad una delle sue proverbiali rimonte (magari come quella del 2018, dove arrivò sino alla vittoria), e Roberta Melesi che ha strappato il pass chiudendo 29^. Out, invece, Karoline Pichler.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
160
Consensi sui social

Più letti in scialpino

Mayer e il primo incontro post ritiro, non è escluso il clamoroso ritorno: Dovessi sentire il fuoco dentro...

Mayer e il primo incontro post ritiro, non è escluso il clamoroso ritorno: Dovessi sentire il fuoco dentro...

Oggi nella sua Afritz, il tre volte campione olimpico ha parlato alla stampa, aprendo la porta al comeback, magari per i Mondiali di casa nel 2025 e le Olimpiadi di Milano Cortina: Avevo già pensato di lasciare dopo l'oro a Pechino e nel corso dell'estate.