Lunedì 21 Gennaio, 12:52
Utenti online: 2086
Max Valle
Max Valle
Giornalista professionista

foto di Getty Images

Finalmente Sofia Goggia! Sua la discesa di Jeongseon

Finalmente Sofia Goggia! Sua la discesa di Jeongseon

Proprio sulla pista delle Olimpiadi di Pyeongchang 2018, a Jeongseon, è arrivata la prima vittoria in carriera in Coppa del Mondo per Sofia Goggia.

Qui il risultato completo e l'analisi della gara e le classifiche di Coppa del Mondo!

Pubblico quasi pari a zero e pista stranissima quella sudcoreana, non difficile ma con tanti salti e una tracciatura quasi da supergigantone, sulla quale la bergamasca, mai in testa in corrispondenza degli intermedi e anzi, molto indietro rispetto a parecchie atlete nella parte alta, ha fatto la differenza nella parte finale precedendo di soli 7 centesimi la regina dello sci, Lindsey Vonn, e di 23 centesimi la dominatrice stagionale della specialità, Ilka Štuhec. Le gerarchie delle prove cronometrate sono state confermate con le stesse tre atlete che avevano fatto i tre migliori tempi che sono andate sul podio ma contrariamente a esse stavolta l’azzurra è riuscita a precedere la statunitense e la slovena.

Per Goggia, oltre che la prima tanto sospirata vittoria, è il decimo podio stagionale e in carriera in Coppa del Mondo, uno in più della Deborah Compagnoni del 1996-1997 e 1997-1998, inoltre per l’Italia è la terza vittoria e il diciottesimo podio stagionale in campo femminile, la sesta e il trentaduesimo contando anche gli uomini. Vonn come sempre non ha preso per nulla bene il secondo posto visto che il suo obiettivo dichiarato è migliorare il record di 86 vittorie di Ingemar Stenmark, per ora lontano 9 lunghezze, mentre Štuhec mette praticamente il sigillo sulla coppa di specialità dato che ha 97 punti di vantaggio su Goggia e alle finali di Aspen le basterà arrivare a punti nelle prime quindici per portarsi a casa la seconda coppa stagionale dopo quella della combinata.

Miglior risultato stagionale per le tre atlete che s sono piazzate dal quarto al sesto posto, nell’ordine la statunitense Laurenne Ross, l’austriaca Tamara Tippler e l’altra statunitense Stacey Cook, nel suo caso il miglior risultato dell’inverno eguaglia il piazzamento di Lake Louise. Settima la svizzera Jasmine Flury che invece è al miglior risultato in carriera dato che era stata decima ad Altenmarkt-Zauchensee, nona l’altra svizzera Corinne Suter. Hanno buttato via una grande occasione Tina Weirather, uscita, e la svizzera Michelle Gisin e la tedesca Viktoria Rebensburg, entrambe autrici di gravi errori che le hanno fatte chiudere al dodicesimo e al quattordicesimo posto dopo che erano state velocissime in alto.

Le altre azzurre: ottava una Hanna Schnarf per la quale aumenta il rimpianto per l’infortunio alla spalla immediatamente prima dei Mondiali, decima Verena Stuffer, sedicesima Elena Curtoni, ventesima Federica Brignone, trentacinquesima Marta Bassino, trentasettesima Anna Hofer, è finita fuori Francesca Marsaglia. Alle finali di Aspen andranno Goggia, seconda nella classifica di specialità, Schnarf, quarta, e Stuffer, ventitreesima, ci sarebbero andate anche Elena e Nadia Fanchini, rispettivamente quindicesima e ventiduesima, ma la seconda è infortunata da tempo e anche la prima quasi sicuramente non ci sarà per i problemi al ginocchio che le hanno fatto saltare prove e gara in Corea del Sud. Nella notte italiana il superG.

Twitter: @aquila1968

© RIPRODUZIONE RISERVATA