Martedì 18 Dicembre, 22:26
Utenti online: 2077

EYOF 2023: coinvolto l'intero Friuli Venezia-Giulia comprese Udine e Trieste

EYOF 2023: coinvolto l'intero Friuli Venezia-Giulia comprese Udine e Trieste

Presentati questa mattina a Trieste presso il palazzo della Giunta, gli European Youth Olympic Festival (EYOF) 2023, l'evento che tra poco più di 4 anni animerà le montagne dell'intero Friuli Venezia-Giulia

La manifestazione internazionale è stata presentata alla presenza del presidente della Regione, Massimiliano Fedriga, dell'assessore allo Sport, Tiziana Gibelli, del vicepresidente del Consiglio regionale, Stefano Mazzolini, del presidente del Coni Fvg, Giorgio Brandolin e del curatore della candidatura e presidente della Federsci del Fvg, Maurizio Dunnhofer.

L'evento, dalla durata di 8 giorni, vedrà protagonista l'intera regione coinvolgendo non solo i principali poli sciistici ma anche le città di Trieste e Udine. Le due cerimonie si terranno infatti nei due più importanti capoluoghi di provincia, a Trieste si svolgerà l'opening ceremony a Udine invece l'evento di chiusura , mentre le gare si terranno in altre nove località.

La Valcanale ed il Tarvisiano ospiteranno le competizioni di salto, combinata nordica e sci alpino (Tarvisio e Sella Nevea) ed il torneo di hockey (Pontebba), la Carnia invece sarà teatro delle prove di biathlon (Forni Avoltri), e delle tre discipline sperimentali fin ora mai entrate nel programma degli EYOF, lo skicross ed il freestyle (Zoncolan) e lo sci alpinismo (Forni di Sopra).

Tutte le prove del programma dello sci di fondo si terranno a Sappada, mentre i poli del pordenonese Claut e Piancavallo come avvenuto in occasione delle Universiadi del 2003 organizzerano rispettivamente il torneo di curling, e le gare di snowboard, short track e pattinaggio di figura.

"Già dal prossimo anno inizieranno gli avvenimenti di avvicinamento - ha annunciato il Presidente della Regione Fedriga - e non saranno eventi che valorizzeranno una sola località, ma tutto il territorio". Questa Giunta, ha sottolineato Fedriga, "non lavora su annunci, ma presentiamo eventi concreti". A scendere in campo, fa sapere Fedriga, oltre alla Regione che prevede "investimenti stimati in 10 milioni di euro per impianti e manutenzione da parte dell'ente", anche la Presidenza del Consiglio dei Ministri. "Ci sarà - sottolinea - una collaborazione con la presidenza del Consiglio dei ministri per fare gli investimenti necessari a garantire l'evento. Unitamente ad Esof2020 avremo quindi un'attenzione internazionale grazie ad una serie di manifestazioni che porteranno turisti, ma soprattutto investitori che contribuiscono alla crescita della regione".

"Si tratta di una vetrina molto importante - ha sottolineato da parte sua Gibelli - che ci consente di far crescere il
livello della nostra montagna. Ô una grande gioia inoltre avere Sappada che ci consente di completare il nostro patrimonio Unesco delle dolomiti friulane".

Il Coni, ha ricordato Brandolin, ha la titolarità della richiesta della manifestazione "per questo ho immediatamente
informato il presidente nazionale, Giovanni Malagò, che ha accettato con piacere la nostra candidatura e siamo riusciti a
presentarne una credibile e forte". La manifestazione sarà realizzata in collaborazione anche con i Paesi vicini, ha
proseguito Brandolin, "in particolare la Slovenia, perché Capodistria ospiterà i giochi estivi nello stesso anno e al
quale collaborerà anche il Friuli Venezia Giulia".

Infine Dunnhofer, ha spiegato che "questo è un successo di un lungo lavoro, adesso arriva però la parte più impegnativa".

L'ultima volta che l'Italia ha ospitato l'evento è stato ad Aosta nel 1993.

© RIPRODUZIONE RISERVATA