Questo sito contribuisce alla audience de

Jazmine Fenlator lancia il Cool Running in rosa

Jazmine Fenlator lancia il Cool Running in rosa
BobSlittino-Giamaica

Jazmine Fenlator lancia il Cool Running in rosa

Il bob giamaicano si prepara ad un altro grande passo in avanti con la creazione di un equipaggio femminile in seguito all'entrata in squadra di Jazmine Fenlator, che ha gareggiato per gli Stati Uniti ai Giochi Olimpici di Sochi come pilota dell'equipaggio USA-3.

La decisione della Fenlator di cambiare il Paese per cui gareggiare è dovuta alla decisione presa l'anno scorso dalla Federazione Internazionale del bob e dello skeleton di ridurre da tre a due gli equipaggi che ogni nazione potrà schierare in ciascuna gara a partire dai Campionati Mondiali del 2017.

La trentenne del New Jersey ha così saltato la scorsa stagione agonistica dopo essersi piazzata terza nella classifica generale della Coppa del Mondo 2014-15 e ha iniziato l'iter per il cambio di nazionalità (approfittando del fatto che suo padre proviene dal Paese caraibico) in quanto desiderosa di partecipare ai prossimi Giochi Olimpici.

A inizio luglio, l'ormai ex rappresentante del Paese a stelle e strisce, che aveva anche considerato di ritirarsi dopo Sochi 2014, ha ottenuto a tutti gli effetti il passaporto giamaicano e ora è più determinata che mai a continuare la propria carriera con l'obiettivo di portare il bob giamaicano femminile a Pyongyang 2018.

La Fenlator ha dichiarato a TeamUSA.org “Voglio lasciare un segno costruendo qualcosa che possa essere fonte di ispirazione per le persone. Venendo da una nazione che ha soldi e successo, ho pensato che potrei usare le mie abilità e il mio talento per far conoscere anche all'altro mio Paese, la Giamaica, gli sport invernali”.

La federazione di bob giamaicana (JBF) sta ora lavorando per trovare una frenatrice alla Fenlator, e negli scorsi mesi si è addirittura parlato della campionessa olimpica e mondiale in carica dei 100 metri piani Shelly-Ann Fraser-Pryce come una delle papabili per ricoprire tale ruolo.

La prima volta in cui la Giamaica è stata accostata al bob risale alla partecipazione del Paese caraibico ai Giochi Olimpici di Calgary del 1988, evento che ispirò il film Cool Runnings.

La Giamaica del bob è stata inoltre presente anche ai Giochi Olimpici di Sochi con Winston Watt e Marvin Dixon che hanno terminato in 29ma posizione la gara di bob a 2.

Il presidente della JBF Chris Stokes, che è stato uno dei quattro partecipanti all'ormai mitica spedizione in terra canadese di 28 anni fa ha dichiarato al Jamaica Observer: “Il mondo del bob è stato felice del nostro ritorno perché molte persone conoscono la nostra disciplina proprio grazie alla squadra giamaicana”.

Il Paese caraibico si sta preparando al meglio in vista della prossima rassegna a cinque cerchi anche grazie all'accordo con l'azienda giapponese Shitamachi, che ha garantito alla JBF tre slitte di alta qualità entro la fine di quest'anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
2
Consensi sui social