Questo sito contribuisce alla audience de

Sette nazioni in corsa per i Giochi invernali del 2026

Sette nazioni in corsa per i Giochi invernali del 2026
Info foto

Getty Images

OlimpiadiOlimpiadi invernali

Sette nazioni in corsa per i Giochi invernali del 2026

Il CIO ha ufficializzato oggi le città e i rispettivi comitati olimpici interessati a ospitare le Olimpiadi invernali del 2026.

Le nazioni coinvolte sono sette: l’Austria con Graz, il Canada con Calgary, il Giappone con Sapporo, l’Italia con Milano/Torino e Cortina d’Ampezzo, quest’ultima aggiunta dal CONi all’ultimo momento il 31 marzo (la candidatura di Livigno era invece un pesce d’aprile, peraltro anticipato di un giorno), la Svezia con Stoccolma, la Svizzera con Sion e la Turchia con Erzurum.

Nel caso specifico dell’Italia, toccherà al Comitato Olimpico Internazionale, scremare le candidature delle nostre città, anche in base alle volontà del prossimo governo nazionale, e a optare per quella che si giocherà, con quelle delle altre nazioni, la possibilità di essere la città ospitante dei Giochi bianchi del 2026, che verrà scelta nella 134a sessione del CIO in programma nel settembre del 2019.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
12
Consensi sui social

Si parla ancora di Olimpiadi

Olimpiadi Invernali

Trent'anni fa la leggendaria Staffetta che a Lillehammer è entrata nella storia del Fondo

Massimo Brignolo, Mercoledì 21 Febbraio 2024
Olimpiadi Invernali

Il CIO ha scelto: Olimpiadi Invernali del 2030 in Francia e di nuovo a Salt Lake City nel 2034

Massimo Brignolo, Mercoledì 29 Novembre 2023
Master Sci Alpino

Nove comuni pronti a ospitare i Winter World Masters Game di Lombardia a Gennaio2024

Press Release, Mercoledì 22 Novembre 2023
Olimpiadi Invernali

Olimpiadi 2030: presentato al CIO il dossier della Francia mentre arriva anche la Svezia

Massimo Brignolo, Lunedì 13 Novembre 2023

Più letti in Sport invernali

Sofia Goggia a FISI TV, verso il rientro cercando di capire se ci saranno strascichi mentali dopo questo infortunio

Sofia Goggia a FISI TV, verso il rientro cercando di capire se ci saranno strascichi mentali dopo questo infortunio

A quattro mesi dal crac alla tibia destra, la campionessa olimpica racconta la seconda fase del suo recupero che la riporterà tra qualche settimana sulla neve. Il recupero sul piano fisico è stato curato al meglio, l'obiettivo è sempre quello di sciare il più forte possibile. Da capire se la bergamasca ci proverà per Soelden oppure entrerà nel vivo della stagione con i giganti nordamericani e poi il debutto della velocità a Beaver Creek.