Presentato il progetto “Fiemme 26”, il collegamento tra la Val di Fiemme e la Val di Fassa con una cabinovia gomma-fune

Presentato il progetto “Fiemme 26”, la cabinovia gomma-fune di collegamento tra Val di Fiemme e la Val di Fassa
Info foto

pg fb Val di Fiemme

TrentinoPROGETTI

Presentato il progetto “Fiemme 26”, il collegamento tra la Val di Fiemme e la Val di Fassa con una cabinovia gomma-fune

Si chiama “Fiemme 26” il progetto di mobilità alternativa ideato dall’ingegnere Ezio Facchin e presentato ai sindaci della val di Fiemme a Cavalese in vista delle Olimpiadi invernali 2026 per ridurre l’intensità del traffico.

Il  progetto prevede il collegamento tra la Val di Fiemme e la Val di Fassa con una cabinovia che durane il tragitto alterna fune e gomma grazie ad un sistema basato su energia rinnovabile.

“Fiemme 26 prevede che la cabina, all’arrivo nella stazione di valle o di monte, dopo aver svolto il servizio viaggiatori, si accoppi ad un carrello automotore alimentato elettricamente e prosegua la sua corsa su una sede riservata ad una velocità di 50 km/h, fino alla prossima fermata, in un centro abitato o all’altezza di un importante impianto di risalita. Fino a che le condizioni orografiche lo permetteranno, il carrello-cabina proseguirà il suo servizio con le fermate previste, mentre in presenza di importanti dislivelli o restringimenti del fondovalle la cabina tornerà sul sistema aereo” ha spiegato Ezio Facchin al quotidiano on line "Trentino".

Per quanto riguarda i tempi di percorrenza l'ingegnere ha dichiarato sempre al quotidiano "Trentino": "Dalla stazione di fondovalle della cabinovia del Cermis fino al trampolino del salto di Predazzo, ad esempio, ci vorrebbero 23 minuti, mentre la stima dei tempi per coprire la tratta Cavalese-Soraga  è di 43 minuti con 14 fermate spalmate sui 23 chilometri di percorso".

Per la realizzazione dell’impianto ci vorrebbero circa tre anni e un costo che dovrebbe variare tra i 160 e i 200 milioni di euro. Secondo alcuni pareri di sindaci, invece, i tempi potrebbero essere più lunghi e quindi sarebbe da valutare il progetto come post Olimpiadi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
344
Consensi sui social

Si parla ancora di Trentino

Val di Fassa

Un inverno da record in Val di Fassa

Redazione Turismo, Giovedì 16 Maggio 2024
Madonna di Campiglio

SnowWeek Easter, il modo migliore per festeggiare la fine dell'inverno sulla neve!

Press Release, Giovedì 29 Febbraio 2024
San Martino di Castrozza

San Martino di Castrozza, nuova cabinovia Valcigolera per l'inverno 2024/2025

Redazione Turismo, Mercoledì 28 Febbraio 2024

Ultimi in Regioni

Macugnaga, con l'alluvione danni ingenti alle piste da sci tra l'Alpe Burki e Pecetto

Macugnaga, con l'alluvione danni ingenti alle piste da sci tra l'Alpe Burki e Pecetto

Colpita la parte bassa del comprensorio Burki-Belvedere, dove l'esondazione dei torrenti Anza e Roffel ha ricoperto di detriti la pista Fontanone con danni importanti anche all'impianto di innevamento programmato. Non si registrano, invece, danni agli impianti di risalita con regolare esercizio sia al Belvedere che al Monte Moro, dove in questo week-end, grazie alle abbondanti nevicate primaverili, sarà ancora possibile sciare sulla pista servita dallo skilift San Pietro.