Questo sito contribuisce alla audience de

De Aliprandini: "Non sentivo un gran feeling, invece...". L'Italgigante ne qualifica quattro

De Aliprandini: 'Non sentivo un gran feeling, invece...'. L'Italgigante ne qualifica quattro
Info foto

Pentaphoto

Sci Alpinocoppa del mondo maschile

De Aliprandini: "Non sentivo un gran feeling, invece...". L'Italgigante ne qualifica quattro

Gran Risa numero 2 e il vice campione del mondo è semplicemente fantastico nella 1^ manche, incollato a Odermatt: le sue parole. Nella seconda vedremo anche Borsotti, Maurberger e Della Vite, che compie il miracolo per due centesimi e ripartirà con l'1 dalle ore 13.30.

Quattro azzurri qualificati, nel gigante bis dell'Alta Badia, e tanti obiettivi da poter agguantare, a partire da quello di Luca De aliprandini, secondo al termine della prima manche sulla Gran Risa, a soli 18 centesimi da Marco Odermatt.

Ce l'hanno fatta anche Giovanni Borsotti, 23° a 2”94, e con il brivido pure Simon Maurberger (dopo mille problemi fisici, è un importante segnale in gigante), 29° a 3”25, e quel Filippo Della Vite che segue il compagno di squadra ad un centesimo, respinge Adam Zampa per 2 nonostante tante sbavature, in una manche tutta all'attacco, e avrà una bellissima occasione nella manche decisiva (al via alle ore 13.30, tracciatura norvegese), partendo con l'1 per cancellare l'uscita di ieri quando altri punti in Coppa del Mondo erano ormai cosa fatta.

Le grandi speranze dell'Italgigante, ovviamente, sono riposte su un De Aliprandini sempre più bello, solido, pronto per agguantare finalmente un podio che stramerita. E non aggiungiamo altro, pensando ai trionfi azzurri del passato su questa pista magica. “Non avvertivo un feeling così buono, ma a volte non senti di aver fatto una gran manche e invece gli sci vanno... - ha confessato il trentino ai microfoni di Rai Sport – Sono là, posso essere soddisfatto: la pista è più aggressiva, qualche onda c'è attraversando i segni di ieri, ma non chiedetemi se penso al podio.

Non devo ragionare troppo, c'è la seconda manche e semplicemente penso a fare le solite cose”.

Giovanni Borsotti, intervistato sempre da Ettore Giovannelli, non è soddisfatto neppure quest'oggi: “Non ho il solito feeling con questa pista, ma almeno ce l'ha un azzurro che va forte – sorride il piemontese – Oggi sono sceso un po' così, questa neve aggressiva e facile non perdona. La tracciatura era bella, ma sciare veloce è un'altra cosa”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
199
Consensi sui social