Questo sito contribuisce alla audience de

A La Thuile un lavoro enorme verso una due giorni "particolare". Brignone e Bassino, avvicinamento ok

Foto di Redazione
Sci Alpinocoppa del mondo femminile

A La Thuile un lavoro enorme verso una due giorni "particolare". Brignone e Bassino, avvicinamento ok

Dopo neve e vento, oggi una giornata splendida nella località valdostana alla vigilia del super-g. Tutte le misure di sicurezza per spettatori e addetti ai lavori. Nel frattempo la FISI "riaprirà" il calendario di gare dal 2 marzo.

Nella giornata in cui la FISI ha annunciato la ripartenza di tutta l'attività federale sul territorio nazionale, autorizzando la disputa delle gare in calendario da lunedì 2 marzo, rimanendo sempre all'interno delle indicazioni fornite sul territorio dalle varie autorità locali, a La Thuile si sta lavorando da “matti” per garantire un grande spettacolo con il ritorno della Coppa del Mondo nella località valdostana, quattro anni dopo l'ultima volta.

Sabato il super-g (ore 10.30), domenica la combinata alpina (11.15-14.15), nonostante il meteo avverso e l'allarme Coronavirus. La situazione attuale: oggi una splendida giornata di sole, dopo aver lavorato tutta notte per ripulire nuovamente la “3 Franco Berthod” in seguito ai 40 centimetri di neve fresca caduta ieri.

Si è poi alzato il vento all'alba, ed è quello il pericolo maggiore in vista delle giornate di gara: con la sciata in pista già cancellata con ampio anticipo, le azzurre si sono allenate in altre località per poi arrivare a La Thuile direttamente oggi pomeriggio. Federica Brignone prima si era allenata a Courmayeur, poi in slalom a Pila e con un po' di riposo nella sua La Salle per ricaricare le batterie. Marta Bassino e Laura Pirovano, invece, si sono divise tra Artesina e Limone Piemonte.

Per quanto riguarda invece le precauzioni legate all'allarme Coronavirus, va ricordato che è possibile l'ingresso al pubblico solo con biglietto nominativo, assistendo quindi alla gara dalla tribuna o nella Vip Lounge. Inoltre, per quanto riguarda gli addetti ai lavori (giornalisti, cameramen e fotografi) è stato definito un protocollo che preveda una distanza minima di un metro e mezzo durante le interviste con gli atleti nella mixed zone.

Per ridurre al minimo i contatti interpersonali, sono state cancellate le conferenze stampa, l'estrazione dei pettorali in pubblico e le cerimonie di premiazione, con quella “ufficiosa” che avverrà solo sul campo di gara.

Lo spettacolo di La Thuile sarà un po' ridotto, ma dal punto di vista sportivo non dovrebbe proprio mancare niente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
238
Consensi sui social