Questo sito contribuisce alla audience de

La Germania apre con due triplette i Mondiali Junior di Winterberg

La Germania apre con due triplette i Mondiali Junior di Winterberg
Info foto

Copyright BSD

BobBob - Mondiali Junior

La Germania apre con due triplette i Mondiali Junior di Winterberg

Si sono aperti quest'oggi con due triplette tedesche i Campionati del Mondo Junior di bob. A Winterberg nella prima delle due giornate di gare la Germania ha fatto l'en-plein di medaglie dominando nel bob a due maschile e nella competizione femminile.

Tra gli uomini ha dettato legge il favorito numero uno della vigilia, Johannes Lochner (nella foto), colui che in questa stagione di Coppa Europa non ha perso alcuna gara a cui ha preso parte. Il venticinquenne bavarese ex-frenatore di Manuel Machata, sulla pista che lo scorso anno gli ha regalato uno splendido argento iridato alla spalle di Francesco Friedrich, quest'oggi non si è fatto prendere dalla pressione siglando assieme al frenatore Joshua Bluhm i migliori riferimenti cronometrici in entrambe le discese in programma chiudendo davanti ai connazionali Christoph Hafer e Richard Oelsner staccati rispettivamente di 30 e 68 centesimi.

Lochner conquista così il suo primo titolo iridato giovanile della carriera, lui che da pilota si era aggiudicato la medaglia d'argento nel bob a quattro nell'edizione 2014. Il tedesco per l'ennesima volta in questa stagione ha dimostrato di essere di una spanna superiore al resto della concorrenza, ma per sua sfortuna si trova stretto nella morsa della grande concorrenza interna, dato che la Germania in questo momento ha l'invidiabile problema di abbondanza di atleti di talento. 

Alla prova iridata ha preso parte anche un equipaggio italiano, affidato al pilota Patrick Baumgartner e al frenatore Rocco Caruso. I due azzurri dopo una discreta prima discesa chiusa all'undicesimo posto, nella run finale hanno perduto due piazzamenti concludendo in tredicesima posizione.

Nella prova femminile come prevedibile si è assistito ad un altro tripudio tedesco. Ad aggiudicarsi la medaglia d'oro è stata la sassone Stephanie Schneider che in coppia con Lisa Marie Buckwitz ha letteralmente dominato la gara odierna. La venticinquenne originaria di Erlabrunn ha stampato in entrambe le run in programma i migliori tempi di manche, conquistando al quinto tentativo il primo titolo iridato giovanile della carriera, lei che nelle precedenti edizioni aveva raccolto 2 argenti ed un bronzo.

Alle spalle di Schneider staccata di ben 54 centesimi, si è piazzata la diciottenne Kim Kalicki che sulla pista di casa ha preceduto di un soffio la connazionale Sabrina Duljevic.

Undicesima posizione per le esordienti Martina Schiavon ed Eleonora Filipetto. Le due azzurre alla loro seconda gara come equipaggio, hanno confermato anche a Winterberg gli interessanti tempi di spinta palesati una settimana fa ad Igls in Coppa Europa, anche se devono acquisire ancora la giusta esperienza nella fase guidata. Il sodalizio italiano aveva disputato una discreta prima discesa piazzandosi al decimo posto, ma poi nella run finale le due azzurre hanno commesso qualche sbavatura di troppo venendo sopravanzate in classifica di appena 5 centesimi dal bob spagnolo pilotato da Barbara Iglesias.

Domani con la disputa della gara di bob a quattro calerà il sipario su questa edizione dei Campionati del Mondo Junior di bob e skeleton.

IBSFSLIDING BSD_PRESSE #WINTERBERG #JWCH #BOB
© RIPRODUZIONE RISERVATA
2
Consensi sui social