Questo sito contribuisce alla audience de

Il biathlon cerca la nuova regina della sprint: a Nove Mesto le francesi sono favorite, Vittozzi ci prova

Il biathlon cerca la nuova regina della sprint: a Nove Mesto le francesi sono favorite, Vittozzi ci prova
Info foto

Pentaphoto

BiathlonMondiali Nove Mesto

Il biathlon cerca la nuova regina della sprint: a Nove Mesto le francesi sono favorite, Vittozzi ci prova

Appuntamento alle ore 17.20 per il via della sprint femminile dei Mondiali di Nove Mesto. Il trono del format è vacante e il grande biathlon cerca la sua nuova regina. Le francesi sembrano avere una marcia in più con Simon (in partenza per seconda) e Braisaz, ma occhio a Tandrevold ed Elvira Oeberg. L'Italia si affida a Lisa Vittozzi per riscattare la delusione della Mixed Relay, in gara anche Wierer, Comola e Carrara.

Lo scorso anno nella rassegna iridata di Oberhof fu Denise Herrmann, oggi ritirata e in dolce attesa, a conquistare l’oro davanti ad Hanna Oeberg e Linn Persson, oggi esclusa per scelta tecnica dalla Sprint iridata di Nove Mesto. Tra le partenti solo la rientrante Kuzmina vanta in bacheca un titolo mondiale nella Sprint e, oltre alle due svedesi, solo Tandrevold vanta una medaglia iridata nel format, avendo vinto l’argento a Oestersund 2019 alle spalle della stessa Kuzmina.

I precedenti stagionali parlano di tre vittorie francesi e due norvegesi. Dopo il successo in apertura di stagione ad Oestersund da parte di Lou Jeanmonnot, Tandrevold si è imposta in due occasioni, ad Hochfilzen e Ruhpolding, mentre Braisaz ha trionfato a Lenzerheide e Oberhof.

Nella staffetta mista che ha aperto la rassegna di Nove Mesto sia Braisaz, ma soprattutto Julia Simon, hanno impressionato e si candidano al ruolo di favorite, con la seconda forse un gradino sopra a tutte ma alle prese con il format che in carriera le ha regalato meno soddisfazioni. Tandrevold però non parte battuta e in passato è già stata capace di salire sul podio in questo contesto di gara, così come hanno fatto Lisa Vittozzi e Dorothea Wierer.

La sappadina è la miglior carta azzurra per riscattare la delusione nella staffetta mista e per conquistare la prima medaglia iridata nel format. Lisa avrà il 23, mentre Doro sarà in gara con il 16. Entrambe, così come tutte le big, hanno scelto il primo gruppo visto che la pista andrà deteriorandosi rapidamente. Per vedere le altre due italiane bisognerà attendere il 35 di Michela Carrara e il 62 di Samuela Comola. Nel novero delle pretendenti al podio vanno inserite anche la svedese Elvira Oeberg, la svizzera Lena Haecki-Gross e la tedesca Franziska Preuss.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
65
Consensi sui social

Ultimi in biathlon

La Francia domina la staffetta mista di Oslo, Italia quarta a un poligono dal podio

La Francia domina la staffetta mista di Oslo, Italia quarta a un poligono dal podio

Una Francia ingiocabile domina l'ultima staffetta mista della stagione dove il resto del podio viene deciso in una lotta a quattro nell'ultimo giro. L'Italia dopo aver sognato un podio pesante si deve accontentare della quarta piazza dopo un brutto ultimo poligono di Giacomel fino a lì perfetto.