Questo sito contribuisce alla audience de

Biathlon: Hanna Oeberg si scioglie nell'ultimo poligono e la Norvegia vince la Staffetta di Oestersund. Italia ottava

LIVE da Le Grand Bornand le prime Mass Start della stagione. Start list e azzurri al via
Info foto

2019 Getty Images

BiathlonCoppa del Mondo 2023/24

Biathlon: Hanna Oeberg si scioglie nell'ultimo poligono e la Norvegia vince la Staffetta di Oestersund. Italia ottava

Il quartetto femminile svedese non riesce a sfatare il tabù della vittoria a Oestersund perchè Hanna Oeberg salta in aria nell'ultima sessione di tiro. L'Italia senza Vittozzi è ottava e arrivano buoni segnali solo dal lancio di Passler e dalla chiusura, inutile, di Auchentaller.

La seconda parte della tappa di Oestersund della Coppa del Mondo di Biathlon si apre con la prima Staffetta femminile della stagione. Lo scorso anno si sono svolte 5 prove di Coppa del Mondo alle quali va aggiunta la staffetta dei Campionati Mondiali di Oberhof con la splendida medaglia d'Oro del quartetto azzurro composto da Samuela Comola, Dorothea Wierer, Hannah Auchentaller e Lisa Vittozzi. In Coppa erano arrivate due vittorie per Norvegia e Francia e un primo posto per la Svezia.

Il quartetto azzurro annunciato alla vigilia composto da Rebecca Passler, Wierer, Comola e Vittozzi ha visto una variazione dell'ultima ora per alcuni sintomi influenzali della vincitrice della 15 km di domenica che viene sostituita in ultima frazione da Hannah Auchentaller.

Il primo giro della frazione di lancio è reso complesso dalle scivolate della svizzera Elisa Gasparin e della tedesca Hettich che sgranano il gruppo con la pancia dello stesso, Passler inclusa, costretta a tirare per recuperare. Sono poche le ricariche utilizzate nella sessione a terra dalla quale escono a comandare il gruppo le squadre attese: Johansen per la Norvegia, la svedese Magnusson, la francese Jeanmonnot, Vobornikova, l'azzurra Rebecca Passler e Hettich. Sono la norvegese e l'azzurra a uscire indenni dalla sessione in piedi mentre Fancia, Repubblica Ceca e Germania accusano il peso di una ricarica. Sono 3 quelle utilizzate dalla svedese Magnusson che scivola a 30 secondi dalla testa.

Al primo cambio Lou Jeanmonnot (0+1) si presenta spalla a spalla con Vobornikova (0+1), a un secondo Martke Krakstad Johansen (0+0), a 3 una ottima Rebecca Passler (0+0). La tedesca Hettich (0+1) paga già 15 secondi e la svedese Magnusson (0+3) 24 secondi.

Wierer fatica a tenere il ritmo delle prime tre e all'ingresso del poligono paga una decina di secondi a Chloe Chevalier, Jislova e Arnekleiv. Una finestra di vento poco prevedibile fa utilizzare una ricarica a Francia, Reoubblica Ceca e Italia, due alla Norvegia. Nel secondo giro, i materialie sembrano fare la differenza. Attacca Arnekliev, l'ultima a cedere è Jislova mentre Chevalier accusa 10 secondi e Dorothea una ventina. La norvegese non sbaglia, sono due le ricariche di Jislova a 21 secondi, 5/5 di Wierer a 29 secondi. Crolla la francese che dopo una sessione lunghissima e un giro di penalità scivola quasi a due minuti.

Al cambio di metà gara, Arnekliev (0+2) lancia la Norvegia verso la terza frazione con 37.0 secondi di vantaggio sulla ceca Jjislova (0+3). Rientrano da dietro la giovanissima tedesca Selina Grotian (0+2) a 49.6 la svedese Persson (0+1). Dorothea Wierer (0+1) è quarta a 50.8. Chloe Chevalier (1+4) chiude la sua frazione da incubo a 2.18.6.

Karoline Knotten prova ad amministrare il vantaggio ma deve utilizzare due ricariche nel poligono a terra e si avvicina Elvira Oeberg dopo un 5/5: la svedese è a 23 secondi con 6 secondi di vantaggio sulla tedesca Voigt (5/5). Pasticcia Comola con due ricariche e qualche impaccio con la carabina e si ritrova a 1.10.5, peggio va a Marketa Davidova che subisce un giro di penalità.

Nel secondo giro Elvira Oeberg lima qualche secondo alla norvegese; per la sessione in piedi gira il vento e Knotten fatica a leggerlo salvandosi solo alla terza ricarica mentre è perfetta la svedese che scavalca la rivale e riparte con 18 secondi di vantaggio sulla norvegese e su una perfetta Vanessa Voigt. Samuela Comola incappa in due giri di penalità e scivola in decima posizione a quasi 3 minuti.

All'ultimo cambio Elvira Oeberg (0+0) ha 23.4 secondi di vantaggio su Knotten (0+5) e 29.4 su Vanessa Voigt (0+0). Marketa Davidova (1+5) è quarta a 1.35.8. Justine Braisaz (0+3) è sesta a 2.46.0, Samuela Comola (2+5) nona a 3.39.4.

Nella sessione a terra dell'ultima frazione una perfetta Tandrevold dimezza il distacco da Hanna Oeberg che deve utilizzare due ricariche, 5/5 anche per Franziska Preuss a 36 secondi mentre il resto del mondo naufraga con la svizzera Haecki a due minuti e mezzo. Non sbaglia Hannah Auchentaller, ottava a quattro minuti.

Salta il banco e non viene sfatato il tabù di Oestersun per la Svezia con quattro errori nei primi 4 tiri di Hanna Oeberg (1+5) e conseguente giro di penalità, Ne approfitta Tandrevold (0+2) che utilizza solo due ricariche e vola verso la vittoria con 35 secondi di vantaggio su una ottima Preuss (0+1) e Oeberg. Una sola ricarica per Auchentaller (0+1) che risale fino all'ottavo posto.

La Norvegia (0+9) si impone con 41.6 di vantaggio sulla Svezia (1+9) e 47.9 sulla Germania (0+4).  Il quarto posto è della Svizzera (0+10) a 2.19.9 con la Francia (1+10) quinta a 2.23.4. E' sesta la Repubblica Ceca (3+13) a 2.47.9, settima l'Austria (0+7) a 3.31.2 e ottava l'Italia (2+7) a 4.56.9.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
54
Consensi sui social

Più letti in biathlon

Vittozzi, ora c'è il grande obiettivo della sfera di cristallo: Lisa guida l'Italia nella tappa di Oslo-Holmenkollen

Vittozzi, ora c'è il grande obiettivo della sfera di cristallo: Lisa guida l'Italia nella tappa di Oslo-Holmenkollen

Saranno 11 gli azzurri impegnati da giovedì (con l'Individuale femminile in apertura) nel tempio norvegese. La sappadina è terza nella generale a soli 48 pt da Tandrevold, rientrano nel massimo circuito Beatrice Trabucchi e Hannah Auchentaller, confermato il quintetto maschile.