Questo sito contribuisce alla audience de

Il bar in vetta al Lauberhorn di Wengen? Distrutto da una tempesta di foehn: "Vogliamo riaprire per Natale"

Il bar in vetta al Lauberhorn di Wengen? Distrutto da una tempesta di foehn: 'Vogliamo riaprire per Natale'
Info foto

20min.ch

Svizzeraattualità

Il bar in vetta al Lauberhorn di Wengen? Distrutto da una tempesta di foehn: "Vogliamo riaprire per Natale"

Lo storico ritrovo per sciatori, nella località svizzera culla del circo bianco, ha subito danni ingenti a causa del fortissimo vento del week-end.

Una tempesta di foehn, violentissima, che ha colpito l'intero territorio dell'oberland bernese e, in particolare, le montagne attorno a Wengen.

Sì, il mitico Lauberhorn che ospita da decenni la leggendaria discesa di Coppa del Mondo, con lo ski bar diretto da 17 anni da Beni Scheiber che ha subito danni molto ingenti, per un vento arrivato sino a 140 kmh.

Il 70% della mia baita è stato distrutto – le parole del proprietario – Ora posso solo piangere, e pensare che in passato la struttura aveva resistito a raffiche anche di 269 kmh. Il tetto è stato risucchiato dal vento e spazzato via”.

Dopo un sabato 23 novembre da paura, ora la situazione è migliorata ma i danni sono importanti, anche in tutta la zona attorno allo ski bar, che Scheiber ha intenzione di ricostruire in tempi molto rapidi: “Spero di riaprire entro Natale, stiamo valutando le possibilità. Non è solo un danno materiale, ma anche un colpo al cuore perchè sono andati distrutti souvenir degli ultimi 17 anni di attività”.

Tra cui tanti ricordi legati ai campioni dello sci; il week-end di gare di Wengen, in programma dal 17 al 19 gennaio 2020, potrebbe essere una grande occasione per rilanciare un luogo magico per il mondo della neve.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
21
Consensi sui social

Più letti in Regioni

Stresa – Mottarone, i dettagli del progetto di rinnovo della funivia

Stresa – Mottarone, i dettagli del progetto di rinnovo della funivia

Il 24 novembre in avvio del Forum Internazionale sul Turismo di Baveno è stato presentato il progetto per la riapertura della funivia Stresa-Alpino-Mottarone dopo il tragico incidente del maggio 2021. Intervento da 15 milioni con obiettivo inaugurazione per l’estate 2025.