Questo sito contribuisce alla audience de

Al via l'operazione pulizia della Mer de Glace di Chamonix

Al via l'operazione pulizia della Mer de Glace di Chamonix
Info foto

chamonix.com

FranciaTurismo

Al via l'operazione pulizia della Mer de Glace di Chamonix

Parte oggi la ripulitura della Mer de Glace, ghiacciaio del Monte Bianco sul versante di Chamonix.

In occasione del decimo anniversario l’operazione “Cleaning Up the Mer de Glace” torna con il nome “Operation Montagne Responsable” ed è sponsorizzata da European Mobility Week. Il ghiacciaio della Mer de Glace, in italiano "Mare di Ghiaccio", è lungo 7 km e ogni estate attira migliaia di turisti più o meno beneducati.

Saranno circa 100 i volontari che batteranno il ghiacciaio alla ricerca di rifiuti. Come detto, si inizia oggi, quando nella celebre località francese ci sarà anche una mostra per mostrare gli oggetti ritrovati sul ghiacciaio al negozio Lafuma. Poi inizierà l’operazione di pulizia partendo dalla stazione di Montenvers. In passato i rifiuti trovati sono stati delle più varie tipologie: dagli sci, allo scatolame, ai grandi pezzi di legno presi dalle costruzioni dei rifugi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
3
Consensi sui social

Si parla ancora di Francia

Les deux Alpes

Les 2 Alpes, 30 allievi maestri di sci positivi al Covid

Michela Caré, Lunedì 19 Luglio 2021
Les 3 Vallées

Terribile incidente in Savoia: un elicottero del SAF precipita, ci sono cinque morti

Fabio Poncemi, Mercoledì 9 Dicembre 2020
Francia

All'Alpe d'Huez la prima edizione invernale del Tomorrowland

Alessandro Genuzio, Mercoledì 31 Ottobre 2018
Tignes Val d'Isere

Inaugurata a Tignes la funivia a cielo aperto più grande del mondo

Alessandro Genuzio, Giovedì 4 Ottobre 2018

Più letti in Regioni

Niente sci in Vallaccia tra Bormio e Livigno, la sentenza è definitiva

Niente sci in Vallaccia tra Bormio e Livigno, la sentenza è definitiva

Arriva lo stop definitivo all’impianto di risalita “Vallaccia” nel Comune di Livigno che avrebbe avvicinato il versante del Mottolino a Bormio. La soddisfazione di Legambiente: “Dopo sette anni di ripetute sconfitte in tutte le sedi giudiziarie, esigiamo che il Comune adempia alla demolizione delle opere illecitamente realizzate”.