Questo sito contribuisce alla audience de

Cablewayroom, il bed and breakfast per dormire in funivia

cablewayroom Neve
Info foto

pg fb Cablewayroom

LombardiaVIAGGI

Cablewayroom, il bed and breakfast per dormire in funivia

Avete mai pensato di dormire in una funivia? Sull’altopiano Selvino – Aviatico, in Val Seriana (Lombardia), si può! Qui si trova la Cablewayroom, un bed and breakfast con vista panoramica sulla Prealpi Orobiche. Un’idea originale di Ivan Tiraboschi, un elettricista bergamasco che nel 2017 trasformò una cabina dismessa della vecchia funivia Albino-Selvino in una camera da letto.

La struttura è composta dalla cabina sormontata da una camera con letto matrimoniale e materasso ad acqua, pareti in vetro, frigobar e tv. L'arcata della funivia, ossia il blocco che collegava la cabina ai cavi, è la testata del letto. All’esterno una piscina riservata riscaldata, con temperatura fino a 33° in inverno e fino a 30 ° in estate, ed un giardino. Nella cabina è ancora presente il quadro di comando della vecchia funivia.

La colazione viene degustata seduti sulle altalene in legno inserite come sedie all’interno della cabina dove si trova anche una scaletta in legno per accedere alla camera da letto al piano superiore.  Entrambi i piani hanno il riscaldamento a pavimento.

E i più romantici possono ammirare di notte le stelle dalla camera da letto grazie al magico lucernario.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
141
Consensi sui social

Si parla ancora di Lombardia

Livigno

A Livigno lo snowfarm "salva" la neve caduta in primavera

Redazione Turismo, Venerdì 20 Maggio, 08:45
Ponte di Legno Tonale

Pontedilegno-Tonale, le date di chiusura degli impianti di risalita

Michela Caré, Venerdì 8 Aprile 2022
Foppolo Carona Ski

Carona, presentato il progetto per la nuova seggiovia biposto

Michela Caré, Lunedì 4 Aprile 2022

Ultimi in Regioni

A Livigno lo snowfarm salva la neve caduta in primavera

A Livigno lo snowfarm salva la neve caduta in primavera

Nel piccolo Tibet sono iniziate le operazioni che, per il settimo anno consecutivo, consentiranno di raccogliere e stoccare la neve naturale e artificiale accumulata nel mese di marzo e aprileun “tesoretto” bianco che, adeguatamente conservato alle porte del paese grazie ad un apposito sistema di isolamento, tornerà alla luce in autunno pronto all’uso per innevare l’anello per lo sci di fondo già a partire dal mese di ottobre.