Questo sito contribuisce alla audience de

Primo storico successo orange nello skeleton: a Winterberg trionfa Bos, buon 8° per Margaglio

Foto di Redazione
Info foto

2018 Getty Images

Skeletoncoppa del mondo 2021/22

Primo storico successo orange nello skeleton: a Winterberg trionfa Bos, buon 8° per Margaglio

Coppa del Mondo: la neerlandese batte nettamente Hermann e Rahneva per una prima mai vista. Tretiakov domina la gara maschile, discreto 15° posto per Bagnis.

Un successo storico, quello maturato oggi sul budello di Winterberg, per la quarta tappa della Coppa del Mondo di skeleton.

La gara femminile, infatti, ha visto trionfare Kimberley Bos, la prima atleta dei Paesi Bassi (settore maschile compreso) a conquistare una vittoria nel massimo circuito; la campionessa orange, sinora otto volte a podio senza mai esultare e leader della classifica generale, ha letteralmente dominato chiudendo in testa la prima run col record della pista, per poi ripetersi nella seconda abbassando ulteriormente un primato che, pochi minuti prima, Elena Nikitina (in furiosa rimonta dalla 14esima sino alla sesta piazza) aveva ritoccato.

Bos vincerà con 25 centesimi di margine su Tina Hermann e 29 sulla canadese Mirela Rahneva, mentre la Germania piazza pure ai piedi del podio Jacqueline Loelling, quarta a + 0”32 precedendo la statunitense Uhlaender e appunto Nikitina.

E' un buon 8° posto quello colto da Valentina Margaglio (6 decimi di distacco dalla vincitrice), nona dopo la prima run e capace di migliorarsi parecchio nella seconda, mentre Alessia Crippa si è piazzata 19esima.

A livello maschile, dominio assoluto per Alexander Tretiakov, con il russo che ha regolato di 29 centesimi Axel Jungk e di 59 l'altro tedesco Christopher Grotheer. Amedeo Bagnis, 15esimo, risulta il miglior azzurro con Mattia Gaspari, 26°, che non ha centrato la seconda run.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
25
Consensi sui social

Ultimi in Sport invernali

Biathlon, il cammino Olimpico dell’Italia. E se Pechino fosse l’edizione “d’oro”?

Biathlon, il cammino Olimpico dell’Italia. E se Pechino fosse l’edizione “d’oro”?

A pochi giorni dall’inizio della XXIX edizione dei Giochi Olimpici invernali, che per il biathlon inizieranno il prossimo 5 febbraio con la staffetta mista, ripercorriamo il cammino azzurro nella rassegna a cinque cerchi, dagli albori della disciplina ai giorni nostri, tra esordi e medaglie.