Mercoledì 22 Novembre, 0:17
Utenti online: 1020
Francesco Paone
Francesco Paone

foto di Getty Images

Il Tas comunicherà martedì 22 agosto la sentenza sul caso di Therese Johaug

Therese Johaug squalificata per 13 mesi, tornerà nel 2017-'18

Slitta ulteriormente la data della sentenza sul caso di Therese Johaug. Questa volta, però, il giorno del 22 agosto dovrebbe davvero essere quello della verità.

Il verdetto era atteso per oggi o al massimo per domani.

Tuttavia il Tas ha comunicato proprio nella giornata odierna la procrastinazione dell’annuncio. Ignota la ragione del nuovo ritardo, ma quantomeno martedì prossimo sembra davvero “il giorno del giudizio”.      

La ventinovenne, presentatasi di fronte al Tas lo scorso 6 giugno, sperava di conoscere il verdetto entro la fine di luglio. Invece si è arrivati quasi al tempo massimo di tre mesi tra l’udienza e la pubblicazione della sentenza.

Al momento Johaug è squalificata fino al 18 novembre per essere stata ritenuta colpevole di negligenza nell'assunzione involontaria del Clostebol. In questo modo potrebbe prendere parte a tutta la stagione agonistica 2017-'18.

Tuttavia la Fis ha ritenuto troppo blanda la sanzione di 13 mesi emessa dal comitato olimpico norvegese e, stando a indiscrezioni emerse da fonti molto attendibili, avrebbe richiesto di escludere Johaug dai Giochi olimpici di PyeongChang 2018.

Perché questo accada, la squalifica dovrebbe essere estesa ad almeno 16 mesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA