Mercoledì 16 Ottobre, 11:11
Utenti online: 640
Max Valle
Max Valle
Giornalista

foto di Getty Images

Ramona Siebenhofer si aggiudica la prima discesa di Cortina. Vonn fuori dalla top ten

Ramona Siebenhofer si aggiudica la prima discesa di Cortina. Vonn fuori dalla top ten

Era considerata la donna del primo posto in prova, oggi ha sfatato il tabù: nella prima delle due discese femminili di Coppa del Mondo di Cortina d’Ampezzo Ramona Siebenhofer ha colto il suo primo successo.

In una gara abbassata alla partenza del superG e col vento che a tratti l’ha condizionata, l’austriaca della Stiria è stata bravissima a sfruttare il momento favorevole e a trionfare con ben 40 centesimi sulla slovena Ilka Stuhec, autrice di un tempo che sembrava imbattibile, non a caso era forse la favorita della vigilia. Terzo posto a 46 centesimi per l’altra austriaca Stephanie Venier, al primo podio in Coppa in discesa, lei che è argento mondiale in carica della specialità, e al terzo in assoluto, mentre Siebenhofer vantava due terzi posti a Lake Louise il 4 dicembre 2015 e in Val Gardena lo scorso 18 dicembre e finalmente oggi è riuscita a salire sul gradino più alto del podio. Ilka dal canto suo bracca a soli 10 punti nella classifica di specialità l’austriaca doppia vincitrice a Lake Louise Nicole Schmidhofer, oggi dodicesima.

Quarta a un centesimo dal podio la svizzera Corinne Suter che ancora una volta manca per pochissimo l’appuntamento col primo podio, quinta la francese Romane Miradoli, al primo risultato top ten in discesa, settima l’austriaca Tamara Tippler, ottava la tedesca Kira Weidle, gradito ritorno nella top ten dopo oltre un anno in assoluto e dopo quasi due in discesa della statunitense Laurenne Ross, nona ex-aequo con l’austriaca Cornelia Huetter. Undicesima la tedesca Viktoria Rebensburg, che ha fatto da apripista col numero 1, quattordicesima la svizzera Michelle Gisin, quindicesima la rientrante statunitense Lindsey Vonn: otto giorni di allenamento sugli sci sembrano troppo pochi anche per una fuoriclasse come lei, ma se domani si partirà dall’alto avrà chance di fare meglio.

Diciassettesima la ceca Ester Ledecka, le delusioni di giornata sono la norvegese Ragnhild Mowinckel, ventunesima, la svizzera Lara Gut, ventitreesima ma non è più una sorpresa, e Tina Weirather, trentatreesima. Le azzurre: sesta una fantastica Francesca Marsaglia, al suo miglior risultato in discesa (ed era terza all’ultimo intermedio!) e al miglior risultato eguagliato in Coppa del Mondo, come aveva fatto tre volte in superG, tredicesima Nadia Fanchini, ventiquattresima Federica Brignone, ventiseiesima Marta Bassino per la terza volta a punti in discesa, quarantaquattresima Anna Hofer, ma c’è rammarico per le uscite di Elena Curtoni e soprattutto di Nicol Delago, finite fuori in una zona di cambio di luce nella zona dello Scarpadon, la gardenese era in piena corsa per il podio. Domani, come accennato, discesa bis.

© RIPRODUZIONE RISERVATA