Questo sito contribuisce alla audience de

Mayer fa la differenza sul Lauberhorn, ma l'Italia è in corsa con Paris e un grande Tonetti

DPDPDPPD D
Info foto

2020 Getty Images

Sci Alpinocoppa del mondo maschile

Mayer fa la differenza sul Lauberhorn, ma l'Italia è in corsa con Paris e un grande Tonetti

Discesa della combinata di Wengen, guida l'austriaco con oltre mezzo secondo su tutti, Domme 4° a 8 decimi, poi il bolzanino gran 7°. Pagano parecchio Pinturault e Meillard. Alle 14.00 lo slalom decisivo.

E' Matthias Mayer a fare letteralmente la differenza in una manche di discesa equilibratissima sul Lauberhorn e che tiene tutto apertissimo nella combinata alpina di Wengen.

Dopo la prova di velocità, il carinziano guida con 53 centesimi sullo svizzero Gilles Roulin, capace di una prova tutta coraggio e tornato vicino ai livelli che aveva dimostrato negli scorsi anni (ma che non potrà essere troppo pericoloso in slalom), mentre l'altro austriaco Daniel Danklmaier è terzo con 67 centesimi di distacco.

E poi c'è subito l'Italia, anche se Dominik Paris non può essere pienamente soddisfatto del suo 4° posto a 79 centesimi da uno dei grandi rivali anche per la discesa di sabato: il jet azzurro si è “arrangiato” alla Kernen S, ma soprattutto ha ceduto qualcosa sul salto dell'Hundschopf (che ha sparato lunghissimo e regalato tanti brividi) e anche nel tratto finale. Sarà dura per l'obiettivo podio, pur partendo con un bel pettorale nello slalom in programma alle ore 14.00, visto che dietro a “Domme” sono tutti incollati. Dopo i discesisti Hintermann (5°) e Cater (6°), a soli 3 decimi (1”09 il distacco complessivo dal vertice) c'è uno strepitoso Riccardo Tonetti, settimo e in piena corsa per... tutto.

Il bolzanino sogna il primo podio della carriera in Coppa del Mondo, ma dovrà vedersela con tanti “squali”: incollati a lui, rispettivamente a 1 e 3 centesimi, ecco Kriechmayr e Kilde, ma soprattutto colui che potrebbe recitare il ruolo di principale favorito, Victor Muffat-jeandet distante 1”33 e in 12esima posizione (e attenzione a Simonet, nei 15 con 1”45 di distacco).

Sul confine della top 20, ci sono invece Pinturault a 1”68 (19esimo) e Meillard a 1”79 (appena davanti a Guglielmo Bosca, che si è piazzato 21°), per una rimonta che diventa più complicata del previsto per il primo e il terzo della combinata di Bormio.

Gli altri due azzurri in gara, che dovrebbero rimanere fuori per la discesa di domani avendo concluso alle spalle di Bosca, sono Florian Schieder, 24° a 2”02, e Alexander Prast 25° a soli 3 centesimi dal compagno di squadra.


CLASSIFICA 1^ MANCHE COMBINATA MASCHILE WENGEN


Matthias Mayer in 1'41”40

2° Gilles Roulin + 0”53

3° Daniel Danklmaier + 0”67

4° Dominik Paris + 0”79

5° Niels Hintermann + 0”80

6° Martin Cater + 1”05

7° Riccardo Tonetti + 1”09

8° Vincent Kriechmayr + 1”10

9° Aleksander Aamodt Kilde + 1”12

10° Maxence Muzaton + 1”20

11° Stefan Rogentin + 1”25

12° Victor Muffat-jeandet + 1”33

13° Kjetil Jansrud + 1”36

14° Sandro Simonet + 1”45

15° Bryce Bennett + 1”48

21° Guglielmo Bosca + 1”81

24° Florian Schieder + 2”02

25° Alexander Prast + 2”05

© RIPRODUZIONE RISERVATA
163
Consensi sui social