Questo sito contribuisce alla audience de

Il capolavoro di Odermatt nel giorno più importante: é sua la discesa mondiale! Schieder a due decimi dal podio

Il capolavoro di Odermatt nel giorno più importante: é sua la discesa mondiale! Schieder e Paris ai piedi del podio
Info foto

2023 Getty Images

Sci Alpinocourchevel méribel 2023

Il capolavoro di Odermatt nel giorno più importante: é sua la discesa mondiale! Schieder a due decimi dal podio

Meravigliosa prova dell'elvetico, al primo oro iridato della carriera (e la prima vittoria nella disciplina regina) battendo Kilde in un duello da sballo sull'Eclypse di Courchevel. Alexander è di bronzo beffando Schwarz e il connazionale Crawford, per Florian Schieder un gran 7° posto appena davanti a Paris. Buona prova di Marsaglia fino all'ultimo intermedio, Casse lontano.

Un capolavoro nel giorno che più contava, a dimostrazione che ci troviamo di fronte ad un ragazzo che, a soli 25 anni, è già tra i più grandi sciatori della storia.

Marco Odermatt regala alla Svizzera il secondo titolo mondiale di questa rassegna di Courchevel Méribel, bissando nella gara regina l'oro di Jasmine Flury: è la prima volta su un podio iridato per il fenomeno rossocrociato, ma anche il primo trionfo in discesa a livello assoluto, lui che in Coppa del Mondo aveva sempre girato attorno a quel risultato (ed è la stessa cosa accaduta a Bassino, Crawford e Flury!).

Sull'Eclypse, il fenomeno di Buochs è straordinario, sia nei tratti più tecnici che in quelli dove contava maggiormente lasciare scorrere lo sci; Aleksander Aamodt Kilde, il suo rivale ormai da due anni e principale favorito per l'oro, pagherà 48 centesimi al traguardo, senza troppi rimpianti anche se quei 3 decimi lasciati dopo il primo intermedio hanno portato il norvegese con una velocità non ideale sul breve piano centrale della pista.

Secondo argento qui a Courchevel (ma anche in carriera a livello di Mondiali) per AAK, ma solo tanti applausi anche per il fenomenale norge, che a sua volta ha fatto il vuoto sul terzo classificato, che è una sorpresa... mondiale.

Attenzione, però, visto che Cameron Alexander è un talento sopraffino e quest'anno, dopo l'infortunio estivo, si stava già ritrovando a buoni livelli, lui che vinse quasi un anno fa in CdM a Kvitfjell.

Il Canada sale così sul podio con l'uomo che non ti aspetti, visto che il neo iridato di super-g, James Crawford, è “solo” quinto a 1”01, preceduto anche da un Marco Schwarz sontuoso. Miglior risultato in carriera in discesa con il 4° posto ad appena 4 centesimi da Alexander, primo degli austriaci delusi da Kriechmayr e Hemetsberger (con Striedinger out quando stava viaggiando per un buon risultato).

E a soli due decimi dalla medaglia, uno straordinario Florian Schieder, preceduto di un centesimo da Muzaton (con numeri alti in una condizione di pista che è sembrata migliorare, specialmente in termini di luce nella prima parte): l'altoatesino, che proprio nella discesa iridata di due anni fa a Cortina si ruppe il crociato, è gran 7° a 1”09 con un piccolo rimpianto, l'errore su una delle ultime diagonali in ombra che gli è costato forse proprio quel distacco dal terzo posto, lui partito col numero 1 e che rappresenta il futuro della discesa azzurra.

Dominik Paris, a dieci anni dall'argento di Schladming, non è andato lontano dalla sua terza medaglia in un Mondiale, ma ha pagato carissimo un paio di sbavature prima del piano, per poi contenere abbastanza bene con un finale buono, a 4 centesimi da Schieder per l'ottava piazza ex-aequo con Miha Hrobat, con due centesimi su Dressen (con poco allenamento nell'annata del vero rientro, il bavarese fa una gran gara) e tre su Kriechmayr, il campione in carica che esce pure dalla top ten.

Svizzera che piazza il suo secondo e terzo atleta a ridosso, ovvero Murisier e Hintermann dodicesimi ex-aequo, a precedere Hemetsberger e un Matteo Marsaglia da 15° posto. Peccato per il piemontese, probabilmente all'ultimo assalto iridato 12 anni dopo Garmisch, da top ten comoda sino all'ultimo intermedio, prima di sbagliare nettamente e finire a 1”53 da Odermatt, comunque davanti ad un Casse che, invece, sull'Eclypse non si è mai trovato a suo agio e, senza particolari errori, solo 20° a 1”83, davanti a Johan Clarey che ha chiuso qui la sua avventura nel Mondiale di casa, ma terminerà una fantastica carriera con le ultime gare di CdM.

Lunedì la prima giornata di riposo di questi campionati del mondo, poi sarà tempo di paralleli a partire dal team event.


CLICCA QUI PER IL RISULTATO COMPLETO DELLA GARA

 

DISCESA MASCHILE – MONDIALI Courchevel MERIBEL

 

Marco Odermatt in 1'47”05

Aleksander Aamodt Kilde + 0”48

Cameron Alexander + 0”89

Marco Schwarz + 0”93

James Crawford + 1”01

6° Maxence Muzaton + 1”08

Florian Schieder + 1”09

8° Miha Hrobat + 1”13

Dominik Paris + 1”13

10° Thomas Dressen + 1”15

15° Matteo Marsaglia + 1”53

20° Mattia Casse + 1”83

© RIPRODUZIONE RISERVATA
547
Consensi sui social