Questo sito contribuisce alla audience de

Sempre loro, Vlhova e Shiffrin! Petra davanti di 2 decimi anche nella 1^ manche di Killington

Foto di Redazione
Info foto

2021 Getty Images

Sci Alpinocoppa del mondo femminile

Sempre loro, Vlhova e Shiffrin! Petra davanti di 2 decimi anche nella 1^ manche di Killington

Terzo slalom stagionale e la slovacca comanda sulla padrona di casa, che recupera quasi 3 decimi nel finale e andrà all'assalto nella seconda (ore 18.45). Holdener sul podio virtuale, Peterlini oltre i 3 secondi e fuori per un centesimo, la miglior azzurra è Fede Brignone, 26esima.

Sempre loro, ancora loro. Petra Vlhova e Mikaela Shiffrin, nuovamente in quest'ordine come nei due slalom dello scorso week-end a Levi.

La sfida si ripete per l'ennesima volta e la slovacca è ancora davanti anche a “casa Shiffrin”, nella prima manche sulla Superstar di Killington dove la fuoriclasse americana è imbattuta tra i pali stretti. Nella seconda (disegnata proprio da uno dei tecnici di Vlhova, Matej Gemza), al via alle ore 18.45 italiane, Mikaela dovrà recuperare due decimi netti alla grande rivale e co-leader della coppa generale, praticamente perfetta col pettorale n° 1 e con 49 centesimi di margine nel cuore del muro finale, prima di lasciarne 29 nelle ultime 10 porte.

Ha retto parzialmente il ritmo Wendy Holdener, ottima terza a 58 centesimi e con margine per cogliere il suo primo podio stagionale, dopo averlo già avvicinato in rimonta a Levi; quasi mezzo secondo di vantaggio per l'elvetica su Lena Duerr, comunque sempre lì anche se oggi distante 1”06. Chi dimostra di avere una marcia in meno rispetto al magico 2020/21, almeno in questo avvio di stagione, è Katharina Liensberger che “gira” quinta a metà gara, con 1”24 di distacco da Vlhova (partita col pettorale 7, l'austriaca ha pagato già qualcosa alla pista deteriorata ma in termini relativi).

A 1”40 c'è una bravissima Paula Moltzan, sesta, a 1”47 Kristin Lysdahl, settima, oltre il secondo e mezzo troviamo poi Sara Hector, di nuovo positiva con l'8° crono, Andreja Slokar 9^ a 1”56 e una Michelle Gisin apparsa un po' legata, decima a 1”66 (partendo col 2). Ben lontana Swenn-Larsson, addirittura a 2”30 ma comunque nelle 20, i distacchi sono davvero importanti e solo una strepitosa Maria Therese Tviberg, col numero 31, è riuscita a rimanere sotto i 2 secondi con pettorali alti.

Per l'Italia, è andata ancora peggio che a Levi, almeno per ora: Martina Peterlini, prima azzurra a scendere con il n° 23 e punto di riferimento del team di coach Salvadori, ha patito tanto i segni in pista, non riuscendo mai a trovare il ritmo per chiudere a 3”32 da Vlhova, addirittura fuori dalle trenta e per un solo centesimo (rispetto a Chiara Mair, 30esima) che fa davvero male.

La migliore è stata così Federica Brignone, unica a qualificarsi con un buon 26° tempo, a 3”08 da Vlhova partendo con il 32 e lottando come una leonessa su una pista dove in slalom la valdostana ha già fatto molto bene. E' chiaro che i problemi del team italiano siano evidenti, se pensiamo che Fede ha deciso solo dopo la cancellazione del gigante di partecipare e alla fine risulta l'unica a passare il taglio.

Non ce l'hanno fatta, oltre a Peterlini, neppure Della Mea, 35esima e out per 15 centesimi, Midali (47esima a 4”24), Gulli (54esima a 5”63) e una Marta Rossetti che, in linea con la qualificazione sino all'ultimo intermedio, è uscita all'attacco dell'ultimo muro.

 

CLASSIFICA 1^ MANCHE SLALOM FEMMINILE KILLINGTON

 

Petra Vlhova in 49”87

Mikaela Shiffrin + 0”20

Wendy Holdener + 0”58

4° Lena Duerr + 1”06

5° Katharina Liensberger + 1”24

6° Paula Moltzan + 1”40

7° Kristin Lysdahl + 1”47

8° Sara Hector + 1”53

9° Andreja Slokar + 1”56

10° Michelle Gisin + 1”66

26° Federica Brignone + 3”08

31° Martina Peterlini + 3”32

35° Lara Della Mea + 3”45

47° Roberta Midali + 4”24

54° Anita Gulli + 5”63

DNF Marta Rossetti

© RIPRODUZIONE RISERVATA
111
Consensi sui social

Ultimi in scialpino

La curva Goggia allo Scarpadon? Fatale per Lisa Hoernblad: ginocchio sinistro distrutto

La curva Goggia allo Scarpadon? Fatale per Lisa Hoernblad: ginocchio sinistro distrutto

E' arrivata in serata, da parte della federsci svedese, la diagnosi che riguarda la velocista caduta malamente (nello stesso punto di Sofia) nel super-g di Cortina. Rottura di crociato anteriore, collaterale e menisco.