Questo sito contribuisce alla audience de

Carolina Kostner: "Sogno di partecipare alle prossime Olimpiadi"

Carolina Kostner: 'Sogno di partecipare alle prossime Olimpiadi'
Info foto

Getty Images

Figure SkatingFigure skating - notizie

Carolina Kostner: "Sogno di partecipare alle prossime Olimpiadi"

Nella mattina odierna, una Carolina Kostner a tratti visibilmente commossa ha incontrato i giornalisti presso un noto albergo milanese soffermandosi sulle sue sensazioni, ammettendo gli errori commessi e non nascondendo il desiderio di tornare a gareggiare e magari essere della partita nei prossimi Giochi Olimpici.

Nella lunga conferenza stampa, con interessanti passaggi riguardo come abbia vissuto il duro periodo della squalifica, non è mancato un pensiero per l'ex compagno Alex Schwazer, cui, notizia di ieri, non è stata ridotta la condanna per doping come, invece, auspicato dal suo staff.

La pattinatrice altoatesina, accompagnata dal presidente della FISG Andrea Gios, dal legale Marco Gallavotti e da chi le ha curato immagine e fissato impegni nell'ultimo anno, ha risposto ai quesiti dei presenti, ma non ha rilasciato singole interviste per via del poco tempo a disposizione. Kostner in questi giorni è, infatti, alacremente impegnata con le prove finali in vista dell'imminente Intimissimi Opera on ice, che, come di consueto, si terrà presso l'Arena di Verona.

Le parole di Carolina Kostner:

"Sono contenta che si sia trovato un punto di incontro con WADA e NADO. Questo mi consente di conoscere il termine della squalifica e mi ridà la serenità di guardare al futuro con felicità.

Ho commesso un errore, lo riconosco e sono consapevole di avere sbagliato. Resto convinta di avere commesso un errore in buona fede, di questo ne ho la piena certezza.

Ritengo che il doping non possa essere tollerato ed ho sempre lottato contro il doping affermando la mia pulizia. Mi rendo disponibile a NADO, CONI e WADA per diventare testimone di uno sport pulito. Credo fermamente che i veri ingredienti dello sport siano la pazienza, la disciplina, la passione che ci metti, l’amore e l’energia. Questi sono i valori che voglio trasmettere sempre grazie alla mia storia e alle esperienze della mia vita.

L'ultimo periodo è stato per me importante. Mi ha consentito di crescere e maturare perchè la vita di solito prima ti fa cadere e poi ti insegna la lezione, non viceversa. La differenza sta nel come affronti questi momenti di difficoltà. Io l'ho fatto in modo tale da rimettermi in gioco. Ho tutte le porte aperte. Il sapere di poter tornare a gareggiare nel 2016 mi dà una grande forza e una grande serenità per prendere le prossime decisioni. Ammetto che il desiderio di tornare a gareggiare c'è e questo comprende anche un'eventuale Olimpiade. Nell'ultimo periodo sono girate voci molto fantasiose nei miei riguardi, tra cui quella che io stia male o abbia dei problemi. Colgo l'occasione per dire che sto bene, anzi che sto molto bene, e che sono felicissima di poter tornare a dedicarmi alla mia vita professionale e sportiva al cento per cento.

Le gare di sicuro mi sono mancate però non ho ancora un piano ben preciso. Oggi, mi sento per la prima volta alleggerita e nelle prossime settimane potrò pensare al futuro proprio con il desiderio di partecipare alle prossime Olimpiadi. Nel periodo della squalifica, in qualche modo sono sempre riuscita ad allenarmi. Quanto accaduto rappresenta una nuova esperienza da aggiungere al mio bagaglio. Aspettavo con ansia questo momento perché la cosa più difficile è sempre stata quella di non sapere in quale direzione andare. E' stata veramente dura. Per me questa giornata ha un sapore di leggerezza. Come nell'arte, non c'è una fine, ci sono rinnovo e creativita, che
fanno parte del mio sport, che fanno parte della mia anima e che rendono questa disciplina così spettacolare.

Come atleta sono cosciente di avere una certa responsabilità. Per me la cosa più importante è che oggi inizia il futuro. Per quanto concerne i Mondiali di Boston, non si può pensare di schiacciare il tasto play e in automatico essere pronta. Ci sono tanti passi da compiere prima. Devo ancora pensare ai nuovi programmi e non vorrei riproporre qualcosa già visto. In ogni caso, credo di non dover dimostrare più niente, ma sento di avere tutte le porte aperte.

Non ho mai avuto dubbi che si debba combattere il doping, il periodo di squalifica è stato un’esperienza dura che ti mette davanti ad un bivio perché o ti distrugge o ti fortifica. Io però cerco di prendere gli aspetti positivi di quanto accaduto e guardo avanti. Non penso che farò stravolgimenti tecnici. Ultimamente ho sperimentato molto e vorrei continuare a provare nuove cose. Ho lavorato senza quei vincoli delle regole che un po’ limitano la creatività. Ho provato a pattinare anche un tributo ai Led Zeppelin, qualcosa di molto moderno. Nel periodo della squalifica ho potuto trovare l’artista che è dentro di me, un percorso difficile e anche divertente. Io amo quello che faccio e mi piace condividerlo con le persone cui voglio bene. Ho maturato un bel bagaglio di esperienze: Olimpiadi andate bene, Olimpiadi andate male, cadute e anche capacità di rialzarsi. Ora sento il bisogno di mostrare questa mia crescita. Mi basterebbe anche fare parte solo della squadra, aiutando le mie compagne e dando consigli alle future campionesse, come è successo per altri con me. Non nascondo di avere avuto qualche momento di cedimento, ma non mi sono mai fermata. Le mie condizioni fisiche sono buone e penso di essere migliorata nell’approccio mentale alle competizioni. Voglio anche ringraziare i miei genitori che mi sono stati sempre vicini e tutto lo staff che mi ha supportato in ogni decisione difficile che ho dovuto prendere.  Riguardo Alex, si tratta di qualcosa che ti segna la vita, però si supera. Non l'ho più sentito  Non posso che augurargli di cuore che tutto finisca presto e possa guardare serenamente al suo futuro. Io non ho trovato ancora l’amore, ma non ho paura di ritrovarlo. Lascio alla vita la possibilità di sorprendermi.

Per me non c’è niente di scontato. La vita ti segna e io non sono più quella di due anni fa o di dieci anni fa. Tutte le esperienze che ho vissuto mi hanno resa ciò che sono oggi. Mi rimetto in gioco, ma non perché penso di essere la migliore. Si tratta di una sfida diversa, che va oltre e sarà contro me stessa, una sfida per vivere ancora momenti di gioia. La gioia non è solo vincere, ma anche trasformare la passione in lavoro".


In base a quanto stabilito ieri dal TAS di Losanna, Carolina Kostner potrà tornare a gareggiare dal primo gennaio 2016.

 

LA CRONISTORIA a ritroso DEL CASO KOSTNER

05/10/2015 - E' ufficiale la squalifica di Carolina Kostner terminerà il 31 dicembre

04/10/2015 - Svolta radicale nel caso Kostner: la squalifica potrebbe terminare tra meno di un mese

25/09/2015 - Carolina Kostner potrebbe rinunciare al ricorso presso il TAS

11/09/2015 - Nessun nuovo procedimento disciplinare nei confronti di Carolina Kostner

14/08/2015 - Non si placa il Kostner-gate tra equivoci e superficialità da appurare

10/03/2015 - La Wada si appella TAS chiedendo una pena più severa per Carolina Kostner

25/02/2015 - Squalifica Carolina Kostner - La procura antidoping del CONI si appella al TAS

20/01/2015 - Il caso di Carolina Kostner veleggia verso il Tas: pro e contro

18/01/2015 - Il perchè della squalifica di Carolina Kostner

17/01/2015 - Carolina Kostner: "E' dura ma mi rialzerò anche questa volta"

17/01/2015 - Certezze e dubbi riguardo la squalifica di Carolina Kostner

16/01/2015 - Carolina Kostner squalificata per un anno e quattro mesi

16/01/2015 - Le ultime sull'udienza di Carolina Kostner

15/01/2015 - Carolina Kostner a giudizio di fronte al Tribunale Nazionale Antidoping

05/12/2014 - Fissata la data dell'udienza di Carolina Kostner presso il TNA

02/12/2014 - Le otto contraddizioni alla base del deferimento di Carolina Kostner

28/11/2014 - Deferita Carolina Kostner che rischia una lunga squalifica

21/11/2014 - Alex Schwazer potrebbe avere inguaiato Carolina Kostner

31/10/2014 - La Procura Antidoping rinvia il giudizio su Carolina Kostner

14/10/2014 - Interrogatorio fiume per Carolina Kostner presso la Procura della Repubblica di Bolzano

27/09/2014 - Carolina Kostner non rilascia dichiarazioni dopo l'audizione presso la Procura antidoping

22/09/2014 - Carolina Kostner attesa in Procura Antidoping venerdì prossimo

20/09/2014 - Le ultime sul caso Carolina Kostner, si parla di nuovi documenti in possesso della Procura Antidoping

19/09/2014 - Carolina Kostner diserta l'udienza presso la Procura Antidoping del Coni

17/09/2014 - In pericolo le medaglie di Carolina Kostner? Improbabile

16/09/2014 - Carolina Kostner chiederà un rinvio della convocazione presso la Procura antidoping

15/09/2014 - Fissato l'interrogatorio di Carolina Kostner presso la Procura Antidoping

11/09/2014 - Precisazioni e virgolettati sul coinvolgimento di Carolina Kostner nello Schwazer-gate

10/09/2014 - Spettro inibizione per Carolina Kostner a causa della vicenda doping di Schwazer


© RIPRODUZIONE RISERVATA
3
Consensi sui social

Più letti in Sport invernali

Mikaela Shiffrin e le sue gare a Beaver Creek, è già sicura di partecipare al super-g: Vedremo per la discesa

Mikaela Shiffrin e le sue gare a Beaver Creek, è già sicura di partecipare al super-g: Vedremo per la discesa

La fuoriclasse del Colorado non vede l'ora di affrontare, il prossimo 14-15 dicembre, lo storico debutto della Birds of Prey nella Coppa del Mondo femminile. Nel corso di un evento organizzato a Vail, Mikaela ha parlato anche del suo infortunio a Cortina (mi ha riportato alla mente quello di Are 2015) e confermato che centellinerà gli impegni nella disciplina regina.