Questo sito contribuisce alla audience de

Il comprensorio Brembo Ski cambia nome e diventa Foppolo – Carona Ski

Il comprensorio Brembo Ski cambia nome e diventa Foppolo – Carona Ski
LombardiaSTAZIONI SCIISTISCHE

Il comprensorio Brembo Ski cambia nome e diventa Foppolo – Carona Ski

Sabato 21 dicembre apriranno gli impianti di risalita del comprensorio sciistico Foppolo - Carona Ski.

Si chiama Foppolo-Carona Ski, il comprensorio sciistico che per 15 anni ha portato il nome di “Brembo ski” e che sabato 21 dicembre inaugurerà la stagione invernale con la nuova gestione di Stefano Dentella della “Sviluppo Monte Poieto”.

Gli impianti di risalita saranno aperti dalle 8.30 alle 16.30. Dovrebbero essere in funzione sin da subito la seggiovia Quarta Baita, la seggiovia Montebello e forse le seggiovie Valgussera e Conca Nevosa. Per il primo weekend stagionale, lo skipass avrà lo stesso prezzo dei giorni feriali, ossia un costo di 20 euro anziché 30 per gli adulti, 15 euro anziché 25 per gli over 65, 10 euro anziché 20 per i bambini tra i 6 e i 10 anni, mentre i bambini fino a 5 anni non pagheranno.

Tutti i mercoledì le donne scieranno gratuitamente se accompagnate da un “cavaliere” pagante.

Chi acquisterà lo stagionale di Foppolo e Carona, avrà cinque ingressi gratuiti per Monte Poieto (Aviatico) e cinque per la seggiovia Gremei di Piazzatorre, da usufruire durante il periodo estivo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
20
Consensi sui social

Si parla ancora di Lombardia

Livigno

Niente sci in Vallaccia tra Bormio e Livigno, la sentenza è definitiva

Angelo Bonorino, Lunedì 21 Giugno 2021
Ponte di Legno Tonale

Ghiacciaio del Presena, impianti aperti per gli atleti

Michela Caré, Sabato 24 Aprile 2021
Lombardia

Ad Arese potrebbe arrivare uno Ski Dome

Michela Caré, Lunedì 15 Marzo 2021

Più letti in Regioni

Niente sci in Vallaccia tra Bormio e Livigno, la sentenza è definitiva

Niente sci in Vallaccia tra Bormio e Livigno, la sentenza è definitiva

Arriva lo stop definitivo all’impianto di risalita “Vallaccia” nel Comune di Livigno che avrebbe avvicinato il versante del Mottolino a Bormio. La soddisfazione di Legambiente: “Dopo sette anni di ripetute sconfitte in tutte le sedi giudiziarie, esigiamo che il Comune adempia alla demolizione delle opere illecitamente realizzate”.