Questo sito contribuisce alla audience de

Inzell e l’Europa ritrovano la Coppa del Mondo su pista lunga. Azzurri in cerca di gloria tra Mass Start e Team Pursuit

Inzell e l’Europa ritrovano la Coppa del Mondo su pista lunga. Azzurri in cerca di gloria tra Mass Start e Team Pursuit
Info foto

Getty Images

Speed SkatingSpeed Skating - CdM a Inzell

Inzell e l’Europa ritrovano la Coppa del Mondo su pista lunga. Azzurri in cerca di gloria tra Mass Start e Team Pursuit

Archiviate le prime due tappe nordamericane che hanno segnato l’esordio della Coppa del Mondo in pista lunga 2015-2016, lo speed skating si è trasferito in Europa dove nei prossimi due fine settimana sono in programma due weekend intensissimi che chiuderanno il 2015 sul ghiaccio e che lanceranno i pattinatori verso gli appuntamenti del 2016. Prima dell'anno nuovo, il cammino prosegue da Inzell (Germania) dove dal 4 al 6 dicembre andrà in scena la terza delle sei tappe annuali di World Cup, prima dell’ultimo impegno sulla Thialf di Heerenveen (Olanda).

In terra tedesca, la stagione entra così definitivamente nel vivo dopo i weekend a Calgary (Canada) e Salt Lake City (Stati Uniti) sugli ovali velocissimi delle due città che sono state olimpiche. Gare che hanno visto cambiare, dopo alcuni miglioramenti e successivi avvicendamenti, ben quattro record del mondo – 500 e 10mila maschili e 1000 e 1500 femminili -. Protagonisti assoluti di queste vere e proprie imprese sono stati il russo Pavel Kulizhnikov, divenuto il primo sprinter capace di scendere sotto i 34 secondi nei 500 metri, e il canadese – olandese di nascita – Ted-Jan Bloemen, capace di sottrarre il record del mondo sui 10mila a Sven Kramer nella prova disputatasi negli USA. Al femminile si sono messe in grandissima evidenza le due statunitensi Heather Richardson-Bergsma e Brittany Bowe, assieme all’onnipresente e competitiva – nonostante non abbia centrato nessun record – Martina Sábliková. Sono questi pattinatori i più attesi a Inzell, ma oltre a loro soprattutto l’Olanda è attesa al varco della stagione dopo un inizio non così scoppiettante. Nel team oranje in azione da domani non ci sarannoRonald MulderSven Kramer, rimasti a riposo per diversi motivi. Sarà assente anche la più forte pattinatrice olandese nelle ultime stagioni, Ireen Wüst, alle prese con i postumi di un infortunio che non le hanno permesso di allenarsi e qualificarsi per la selezione olandese abile nelle prime quattro tappe di Coppa.

Le condizioni estremamente veloci dei ghiacci di Calgary e Salt Lake City hanno ovviamente influito sullo storico dei primati. La stessa velocità non è presente sulla superficie della Max Aicher Arena situata nella località bavarese, ma il ghiaccio di Inzell è senz’altro uno tra i più veloci del Vecchio Continente. Perciò non mancheranno prestazioni cronometriche di alto livello, visto anche il periodo della stagione ormai entrata nella sua fase calda.

Oltre a questi “big internazionali”, l’Italia è uscita con un bilancio positivo dalla trasferta nordamericana. Gli azzurri hanno agguantato ben due podi al maschile: il primo, un terzo posto del Team Pursuit arrivato a Calgary dopo sei anni di digiuno nella specialità, mentre il secondo l’ha portato Fabio Francolini con un argento nella Mass Start disputata a Salt Lake City. Non solo podi per gli azzurri guidati dal responsabile tecnico Maurizio Marchetto: nei due weekend di Coppa, infatti, sono state aggiornate le tabelle dei primati italiani. Francesca Lollobrigida ha migliorato il record sui 5000 femminili, mentre David Bosa e Andrea Giovannini hanno cancellato i precedenti primati rispettivamente su 500 e 10mila metri. Proprio l’ovale indoor di Inzell, sede abituale dei raduni azzurri fuori dal periodo invernale, è considerabile come una seconda pista "di casa" per gli italiani. Il che potrebbe far aumentare le quotazioni degli azzurri, reduci dall’ultima settimana di ripresa sul ghiaccio outdoor di Baselga di Piné.

Nel programma della tre giorni di Inzell, si disputeranno le gare – di Division A e B – dei 500 metri (con le classiche due serie), dei 1000, 1500, 3000 (solo al femminile) e 5000 al maschile. Oltre alle competizioni contro il cronometro, non mancherà l’appuntamento con le Mass Start, in cui l’Italia schiera le punte Andrea Giovannini e Fabio Francolini, fresco del podio americano e quarto nella classifica generale di specialità, mentre le donne puntano tutto su Francesca Lollobrigida – in gara anche sui 3000 – e Francesca Bettrone, reduce dal terzo posto di Salt Lake City in Division B. Venerdì, però, andrà in scena anche il Team Pursuit maschile, che vedrà all’opera il terzetto italiano alla caccia di nuova gloria dopo il terzo posto conquistato da Francolini, Giovannini e Luca Stefani allo Olympic Oval di Calgary.

Clicca qui per consultare il programma completo del weekend di gare, gli orari, le classifiche aggiornate di Coppa e le liste di partenza. Ricordiamo inoltre che sarà possibile seguire la diretta streaming dell’evento collegandosi dalle 15:50 di domani, 4 dicembre, al seguente link: http://www.eurovisionsports.tv/isu/.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
2
Consensi sui social