Questo sito contribuisce alla audience de

Brilla la stella di Davide Ghiotto nei 5000 metri di Stavanger

Brilla la stella di Davide Ghiotto nei 5000 metri di Stavanger
Info foto

GETTY IMAGES

Speed Skatingcoppa del mondo 2022/23

Brilla la stella di Davide Ghiotto nei 5000 metri di Stavanger

La medaglia di bronzo nei 10000 mt alle Olimpiadi di Pechino parte con il botto nella Coppa del Mondo di Pattinaggio Velocità. Gran 4° posto per la giovane Laura Peveri.

Davide Ghiotto prolunga la sua striscia di podi consecutivi in Coppa del Mondo ottenendo il secondo posto nei 5000 metri della tappa di apertura di Stavanger; il ventottenne vicentino, dopo i terzi posti alle Olimpiadi nei 10.000 metri e nelle prove di chiusura della scorsa stagione ad Hamar (5000 e 10000 metri) e a Heerenveen (5000) alza l'asticella chiudendo la gara in 6.21.512 inchinandosi solo all'olandese Patrick Roest (6.20.561). 

Sul ghiaccio dell'anello norvegese, i colori azzurri sfiorano il podio in altre tre occasioni dovendo accontentarsi della quarta piazza. Nella Mass Start maschile, Andrea Giovannini è stato sorpreso come il resto del gruppo dalla fuga del tedesco Felix Rijhnen che è volato verso la vittoria raggiunto solo dall'austriaco Gabriel Odor mentre l'azzurro ha disputato la volata per il terzo gradino del podio venendo preceduto dall'olandese Bart Hoolwerf. 

Arriva un quarto posto ricco di speranze nella Mass Start femminile dove la ventunenne Laura Peveri ottiene il miglio risultato della carriera preceduta dalla canadese Ivane Blondin e le olandesi Marijke Groenewoud e Irene Schouten. 

Nella prima giornata il podio era stato sfiorato nella Team Pursuit dal terzetto composto da Daniele Di Stefano, Davide Ghiotto e Andrea Giovannini che con il tempo di 3.46.06 hanno dovuto inchinarsi a Stati Uniti, Norvegia e Olanda. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
60
Consensi sui social

Ultimi in Sport invernali

Val d'Isère, 8 dicembre 1972 e un esordio leggendario. La nostra intervista a Piero Gros a mezzo secolo di distanza

Val d'Isère, 8 dicembre 1972 e un esordio leggendario. La nostra intervista a Piero Gros a mezzo secolo di distanza

Ricorre un anniversario meraviglioso per la Valanga Azzurra e un campione indimenticabile: al debutto assoluto in Coppa del Mondo, un 18enne piemontese scrive la storia vincendo il gigante del Critérium de la Première Neige, ripetendosi 9 giorni più tardi a Campiglio in slalom, di nuovo con un pettorale altissimo. Abbiamo raggiunto il campione olimpico per farci raccontare, 50 anni dopo, la genesi di quel giorno che darà il via ad una carriera formidabile: Ho capito di andar forte tre mesi prima allo Stelvio con Thoeni, ma non pensavo neppure lontanatamente di potermi giocare la vittoria. Neppure dopo quella 1^ manche....