Questo sito contribuisce alla audience de

Alla Germania il team relay di Sigulda. Italia soltanto settima

Alla Germania il team relay di Sigulda. Italia soltanto settima
Info foto

Getty Images

SlittinoSlittino - Sigulda

Alla Germania il team relay di Sigulda. Italia soltanto settima

Si è chiuso con la prevedibile vittoria della Germania nella staffetta, il weekend di gare di Sigulda. L'ostica pista baltica ha permesso per una volta di garantire grande spettacolo in una competizione che solitamente offre poche emozioni.

A vincere come accenato è stata la favorita squadra tedesca che schierava in prima frazione Tatjana Huefner, in seconda il vincitore della prova maschile Felix Loch ed in ultima il doppio composto da Tobias Wendl e Tobias Arlt. La compagine teutonica ha dovuto lottare più del previsto per piegare la concorrenza di Lettonia e Russia.

I tedeschi infatti hanno avuto ragione solamente grazie all'ottima frazione di Wendl-Arlt che evitando di commettere sbavature nella parte bassa della pista sono riusciti a recuperare tutto il distacco accumulato dopo due terzi di gara. A rendere più facile la vita alla Germania c'ha pensato il doppio russo Bogdanov-Medvedev che in uscita dalla curva 14 ha sbandato violentemente lasciando sul campo quasi un secondo. Senza questo evidente errore la Russia quest'oggi avrebbe sicuramente battuto lo squadrone tedesco dato che sia la vincitrice della gara femminile Tatiana Ivanova che Semen Pavlichenko erano stati capaci di stabilire i migliori tempi di frazione.

I russi sono stati preceduti sul podio dalla sempre più convincente Lettonia che davanti al pubblico di casa è riuscita nuovamente a strappare una splendida prestazione, conquistando il terzo secondo posto stagionale e mantenendo la vetta nella classifica di Coppa.

Gara decisamente deludente per l'Italia. La squadra azzurra che annoverava tra le sue fila Andrea Voetter, Dominik Fischnaller e Oberstolz-Gruber ha chiuso solamente in settima posizione ovvero all'ultimo posto tra le nazioni tradizionalmente vincenti nello slittino su pista artificiale. Il risultato odierno fa il paio ad una serie di controprestazioni che non fanno altro che confermare la pesante crisi in cui versa lo slittino italiano. La speranza è che i tecnici azzurri riescano presto a ritrovare il bandolo della matassa riuscendo col tempo a ricreare un movimento giovanile che soltanto poche stagioni fa era piuttosto florido.

Il prossimo appuntamento con la staffetta è in programma il 7 febbraio a Sochi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
2
Consensi sui social