Questo sito contribuisce alla audience de

Gli azzurri iniziano bene a Dordrecht: sette passaggi di turno individuali e staffette in semifinale

Gli azzurri iniziano bene a Dordrecht: sette passaggi di turno individuali e staffette in semifinale
Info foto

Getty Images

Short TrackShort Track - CdM a Dordrecht

Gli azzurri iniziano bene a Dordrecht: sette passaggi di turno individuali e staffette in semifinale

Un inizio positivo. Sette passaggi di turno “singoli”, più le due buone qualificazioni arrivate dalle staffette, per l’Italia dello short track impegnata nella giornata dedicata ai turni preliminari validi per la sesta e ultima tappa di Coppa del Mondo. A Dordrecht, in Olanda, la Nazionale guidata dal tecnico Kenan Gouadec inizia bene la sua avventura sul ghiaccio dello Sportboulevard.

L’obiettivo di chiudere in bellezza una stagione di World Cup con alcuni apici importanti, è tuttora vivo. Da segnalare la doppia promozione di Lucia Peretti – unica italiana a ottenere due pass diretti per i tabelloni principali di sabato e domenica – e la buona prova di Arianna Fontana nei 500 metri femminili. Fanno ben sperare anche le staffette italiane, entrambe già a podio nel 2015-16 – gli uomini sono stati d’argento a Shanghai a fine 2015, mentre le donne hanno vinto l’oro una settimana fa a Dresda – e pronte a stupire nuovamente.

Di seguito il dettaglio delle prestazioni degli italiani nelle sei distanze individuali e nelle due di squadra.

1500 metri femminili. Avanza direttamente alle semifinali di domani, l’ottima Lucia Peretti. La bormina tesserata per l’Esercito – reduce dal quinto posto ottenuto una settimana fa a Dresda – ottiene il pass giungendo seconda in 2’26’’870 nella batteria vinta dalla vicecampionessa europea overall Charlotte Gilmartin (2’26’’859). Out invece Arianna Sighel e Cecilia Maffei, fuori dalle prime due posizioni nelle loro prove. Entrambe cercheranno il ripescaggio domani mattina.

15000 metri maschili. Soltanto un azzurro su tre al via delle batterie ottiene l’accesso diretto alle semifinali di domani. Si tratta di Tommaso Dotti. Il 22enne milanese, quarto nell’ultima prova in Germania, è terzo nella sua batteria in 2’17’’807 alle spalle del coreano Kwak Yoon-Gy (2’17’’329) e dell’israeliano Vladislav Bykanov. Il tempo del poliziotto lombardo è tuttavia il più veloce tra i terzi classificati delle sette batterie. Il che gli permetterà di giocarsi un posto nelle finali di domani. Terzi – ma non veloci come Dotti a livello cronometrico – si sono classificati anche Nicola Rodigari e Yuri Confortola. Il primo – tempo di 2’31’’583 - si deve arrendere al canadese François Hamelin e al britannico Jack Whelbourne. Il secondo – 2’22’’387 – lotta ad armi pari con gli asiatici Lee Jung-Su e Xu Fu, ma è costretto al terzo posto. Entrambi proveranno a ritornare nel tabellone principale dai ripescaggi.

1000 metri maschili (Prima Serie). Buone notizie per il torinese Andrea Cassinelli. L’azzurro classe 1993 si qualifica per i quarti di finali giungendo terzo – in 1’28’’765  quarto miglior tempo di recupero - nella sua batteria vinta da Freek van der Wart sul coreano Kim Joon Chun. Out nelle batterie vanno Marco Giordano e Davide Viscardi. Per loro rimane la possibilità di risalire verso ai quarti con i ripescaggi.

1000 metri femminili (Prima Serie). Bene Elena Viviani, la sola azzurra capace di trovare il pass diretto per i quarti di finale di domani. La finanziera di Isolaccia ottiene un ottimo secondo posto nella gara su 9 giri giungendo alle spalle della sudcoreana Noh Do-Hee. Niente da fare, invece, per Arianna Valcepina, terza e perciò estromessa dalla lista delle qualificate dopo essersi accodata a Jamie MacDonald (Canada) e Yara van Kerkhof (Olanda).

500 metri femminili. Finalmente arrivano le prime soddisfazioni stagionali in una gara individuale per l’attesissima Arianna Fontana. La campionessa valtellinese accede ai quarti di finale di domenica con il secondo miglior crono complessivo (43’’640) alle spalle della britannica Elise Christie. La sfida tra le due è tra le più attese di tutto il weekend olandese. Niente qualifica per Arianna Valcepina – quarta nella batteria vinta dalla coreana Choi Minjeong, altra favorita assoluta per il successo finale – e per Elena Viviani. Quest’ultima sfiora soltanto il passaggio del turno classificandosi terza dietro Jamie MacDonald e Lara van Ruijven.

500 metri maschili. Per ora non ci sarà nessuna tuta italiana nei quarti di finale della gara sprint degli uomini. Marco Giordano, l’unico azzurro capace di superare il primo turno preliminare, si ferma al secondo “round” dopo essere giunto quarto (42’’135) nella batteria che ha promosso il russo Dmitry Migunov – in corsa per la coppa di specialità – e l’olandese van der Wart. In precedenza, nel preliminare, aveva alzato bandiera bianca Andrea Cassinelli.

1000 metri femminili (Seconda Serie). Doppio colpo italiano grazie alle qualificazioni di Arianna Sighel e Lucia Peretti. La prima, classe 1996, ottiene la sua prima ammissione in un tabellone principale tra le Senior, classificandosi terza (1’33’’416) nella batteria vinta dalla forte cinese Tao Jiaying. La Peretti conferma il suo ottimo momento arrivando seconda in 1’33’’983 nella batteria vinta dalla coreana Noh Do-Hee. Fuori causa – in attesa dei ripescaggi – Cecilia Maffei, terza nella batteria dominata dal talento olandese Suzanne Schulting.

1000 metri maschili (Seconda Serie). Vanno subito fuori tutti gli azzurri al via della seconda gara sul chilometro. Yuri Confortola finisce a terra nel corso del penultimo giro della sua batteria e non taglierà il traguardo. Davide Viscardi si piazza 4° nella gara guidata dal leader di Coppa Semen Elistratov - e anche neo primatista mondiale -, primo con 1’26’’939. In precedenza, Tommaso Dotti aveva alzato bandiera bianca classificandosi terzo nel turno preliminare vinto da Ren Haobo (Cina) sul russo Alexander Shulginov. Ripartiranno tutti dai ripescaggi.

In chiusura di giornata arrivano le due promozioni per le staffette italiane. Le donne reduci dal successo incredibile ottenuto a Dresda vincono la loro batteria in 4’17’’337. Viviani, Fontana, Valcepina e Peretti precedono con facilità Russia, Bielorussia e Gran Bretagna. Domani se la vedranno in semifinale contro Corea, Olanda e Giappone. Passano il turno le prime due classificate.

Positiva anche la prova del quartetto maschile, desideroso di riscatto dopo la sfortunata tappa in terra tedesca. Confortola, Cassinelli, Rodigari e Dotti finiscono secondi alle spalle del Canada leader stagionale della classifica di staffetta. 6’54’’807 il tempo degli azzurri sui 5000 metri di gara. Domani saranno al via di una difficile semifinale con Canada, Cina, Olanda e Belgio. Durante la prima batteria è da segnalare il brutto incidente occorso all’olandese campione iridato overall nel 2015, Sjinkie Knegt. Dopo un contatto col britannico Whelbourne, il forte pattinatore oranje è stato portato via dalla pista in barella dopo aver subìto un forte impatto al costato. L’entità dell’infortunio è ancora da valutare, ma sembra che l’oro di un anno fa a Mosca potrà essere al via dei Mondiali di Seul a marzo, per difendere il proprio titolo.

Clicca qui per conoscere i risultati completi della prima giornata di gare a Dordrecht. Domani, sabato, 13 febbraio sarà inoltre possibile seguire la diretta streaming – questo il link: http://www.eurovisionsports.tv/isu/ - della manifestazione dalle ore 14:00.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
2
Consensi sui social

Coppa del mondo di short track - Dordrecht, Olanda