Questo sito contribuisce alla audience de

E' partito il progetto della "Magoni Ski Academy": subito tre atleti, nel 2022 saranno dieci

Livio Magoni e i suoi uomini, che lavorone per portare Petra Vlhova sul tetto del mondo
Sci Alpinoil progetto

E' partito il progetto della "Magoni Ski Academy": subito tre atleti, nel 2022 saranno dieci

Livio, la sorella Paola campionessa olimpica e il fratello Oscar, hanno lanciato ufficialmente la scuola internazionale per giovani sciatori. Base a Vipiteno e "l'obiettivo di permettere a questi ragazzi di realizzare un sogno". In questa stagione lavorano con loro due talenti statunitensi e un israeliano.

Si chiama “Magoni Ski Academy” e ne avevamo già parlato nei mesi scorsi con Livio Magoni, pronto a lanciare un progetto nel quale crede moltissimo.

Ora la scuola internazionale di sci per i talenti del futuro è diventata realtà: la base è stata creata a Vipiteno, dove il tecnico nativo di Selvino, che ha vinto l'ultima Coppa del Mondo con Petra Vlhova e da questa stagione 2021/22 è il punto di riferimento della slovena Meta Hrovat, lavora ormai da anni. La sorella Paola, campionessa olimpica di slalom, è coinvolta “sul campo” al pari del fratello Oscar, ex calciatore che si occuperà in particolare degli aspetti manageriali dell'academy che nasce nel ricordo di papà Franco.

Paola Magoni ne ha parlato oggi sulle colonne dell'Eco di Bergamo; nel pezzo a firma di Federico Errante, l'oro di Sarajevo 1984 ha sottolineato come si tratti di “una sfida intrigante e stimolante, nata grazie a tanti sacrifici e per evitare che tanti ragazzi promettenti si trovino costretti a lasciare lo sci. L'obiettivo è aiutarli a realizzare il loro sogno”.

I tecnici sono Diego Cattaneo e lo spagnolo Juan Lago, con Beppe Costa ultimo innesto nel team della Magoni Ski Academy, già al lavoro con tre ragazzi che verranno cresciuti nel corso di questa stagione: si tratta dell'israeliano Itamar Biran, 23enne studente alla Bocconi e che ha già preso parte alle Olimpiadi di PyeongChang 2018, oltre alle ultime quattro edizioni dei campionati del mondo, da Beaver Creek 2015 a Cortina 2021, e dei due statunitensi Jack Bowers (classe 2000) e Cooper Iacobelli (2001), che puntano a circuito Nor-Am e Coppa Europa.

Il prossimo anno avremo dieci atleti, quattro ragazze e sei ragazzi – ci ha spiegato Livio Magoni – Lavoriamo non solo a Vipiteno, ma con tante collaborazioni da Ladurns alla Val Gardena, oltre a Pinzolo, Selvino e alla Snow Arena di Druskininkai, in Lituania”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
722
Consensi sui social

Più letti in scialpino

Start abbassato e rinviato per l'unica prova a Kvitfjell, dove nevica ancora: tentativo dalle ore 12.30

Start abbassato e rinviato per l'unica prova a Kvitfjell, dove nevica ancora: tentativo dalle ore 12.30

Condizioni di nuovo difficili in Norvegia, spostata di un'ora e mezza la partenza (si perderanno una quindicina di secondi, che non vedremo quindi neppure in gara) nella speranza di portare a casa il training necessario per disputare sabato la discesa. Otto azzurre in pista, la prima Brignone con il 7 dopo Gut-Behrami e poi Bassino (12) e Pirovano (con il 14).