Questo sito contribuisce alla audience de

Un "Razzo" carico a mille per la 17esima stagione in coppa: "Sto molto bene, non penso al ritiro"

Un 'Razzo' carico a mille per la 17esima
Info foto

2022 Getty Images

Sci Alpinol'intervista

Un "Razzo" carico a mille per la 17esima stagione in coppa: "Sto molto bene, non penso al ritiro"

Intervistato da "TG Reggio" in occasione del riconoscimento ricevuto dalla Croce Verde nella sua Villa Minozzo, Giuliano Razzoli ha parlato della prossima annata e di una preparazione davvero buona. "Ultima stagione? Dipenderà dal mio livello, ma ragionerò sempre anno per anno", confessa il campione olimpico di slalom.

Sarà la sua 17esima stagione in Coppa del Mondo, dall'esordio in Alta Badia il 18 dicembre 2006, proprio nel giorno del 22esimo compleanno, all'annata 2022/23 che, per uno specialista dello slalom qual è Giuliano Razzoli, comincerà il prossimo 11 dicembre in Val d'Isère.

Il “Razzo” si presenta con grande entusiasmo ad un'altra grande avventura, come dimostrano le sue parole, rilasciate ai microfoni del collega Francesco Ferrari di “TG Reggio”, in occasione della festa della Croce Verde alla quale l'oro olimpico 2010 ha voluto partecipare, nella sua Villa Minozzo, ricevendo l'ennesimo riconoscimento dalla gente della sua terra, l'Appennino reggiano.

Sono molto carico, la preparazione sta andando bene e reggo i carichi in allenamento – le parole dello slalomista azzurro, tornato sul podio lo scorso gennaio a Wengen, a sei anni dall'ultima volta in CdM – Il fisico risponde e sono in crescita; l'obiettivo, come tutti gli anni, è quello di fare una buona preparazione per essere in forma nel momento cruciale della stagione”.

Le classiche di gennaio e naturalmente i campionati del mondo di Courchevel Méribel a febbraio. Le rassegne iridate non sono mai state troppo fortunate per Razzoli, ma nell'annata 2021/22 qualcosa sembra essere cambiato nuovamente in un atleta che è stato capace di adattarsi spessissimo in oltre 15 anni di carriera ai massimi livelli, tanto da aver ritrovato non solo il podio ma anche la costanza per rientrare tra i top 15 al mondo nelle liste di partenza. “Sono molto contento della stagione passata e di come sono riuscito a sciare – ha aggiunto il Razzo, che in un'estate speciale ha vissuto due momenti particolari come le nozze con la sua Elisa e l'inaugurazione di un progetto importante con l'azienda di famiglia, l'Acetaia Razzoli – L'obiettivo è sempre cercare di migliorare, anche perché stando fermi non è mai abbastanza per competere al top”.

Arriva un'indicazione importante sul futuro, perchè non è detto che Giuliano lasci anche dopo i 38 anni, al termine delle sfide che proporrà il 2022/23: “Andremo avanti anno per anno, in base a quello che dirà il mio fisico e al livello che riuscirò a mantenere ogni anno. E' questo ciò che decreterà la fine o il proseguimento della mia carriera, ma adesso sto bene e l'ultima stagione è stata molto positiva”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
434
Consensi sui social

Ultimi in scialpino

Alle 9.30 parte il secondo gigante maschile della stagione in Val d'Isère: Braathen con l'1, poi il favoritissimo Odermatt

Alle 9.30 parte il secondo gigante maschile della stagione in Val d'Isère: Braathen con l'1, poi il favoritissimo Odermatt

Sulla Face de Bellevarde la prima manche di una gara che vede i norvegesi (Kristoffersen ha il 6) sfidare il leader della generale, ma occhio a Feller, Kranjec e lo stesso Pinturault, così come Luca De Aliprandini che partirà col n° 14. Sette gli azzurri in gara.