Questo sito contribuisce alla audience de

Neve e poi vento a Kitz, si partirà all'altezza della Mausefalle: alle 11.30 lo start della discesa simbolo

Foto di Redazione
Info foto

2022 Getty Images

Sci Alpinocoppa del mondo maschile

Neve e poi vento a Kitz, si partirà all'altezza della Mausefalle: alle 11.30 lo start della discesa simbolo

Streif numero 1, lo spettacolo è comunque garantito. Sei azzurri in gara, li guida Dominik Paris che vuole tornare al successo nel tempio e scatterà col 5, prima di Mayer, Feuz, Kilde e Odermatt.

Il grande giorno è arrivato e la discesa dell'anno, anche se poi ne rivedremo un'altra domenica, è pronta a regalarci una sfida unica nel tempio di Kitzbuehel.

Non sarà una Streif completa, come si temeva alla vigilia, visto che il vento continua a soffiare in quota (è nevicato nella notte, ma da quel punto di vista non ci sono problemi) e si è scelto quindi per il male minore, ovvero la prima partenza di riserva: alle 11.30 lo start all'altezza della “Mausefalle”, con Marcel Hirscher in versione apripista ad anticipare i grandi della velocità. Un confronto importantissimo anche per la Coppa del Mondo di discesa, apertissima e con Dominik Paris al comando con una manciata di punti sui rivali: il fuoriclasse azzurro uscirà dal cancelletto col numero 5, dopo Franz (1) e Kriechmayr (3).

Dopo Domme, che cerca la quinta perla a Kitz (la quarta in discesa), gli uomini più pericolosi sono chiaramente Mayer (n° 7), Feuz (9), Kilde (11) e lo stesso Odermatt (13), impossibile da sottovalutare dopo quanto combinato a Bormio e Wengen. E Christof Innerhofer, 4° e 1° nelle due prove, partirà con il numero 20.

Discesa maschile di Kitzbuehel che potrete seguire su NEVEITALIA, a partire dalle ore 11.30 con il servizio di live timing FIS.

 

CLICCA QUI PER IL LIVE TIMING

 

CLICCA QUI PER LA STARTLIST COMPLETA

 

Dopo i primi venti, ecco subito Mattia Casse e Matteo Marsaglia (pettorali 21 e 22), con chances importanti per stare là davanti. Brillanti in prova anche Guglielmo Bosca, al via con il n° 44, e Pietro Zazzi che partirà con il 51.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
108
Consensi sui social