Lunedì 15 Luglio, 20:02
Utenti online: 813
Massimo Brignolo
Massimo Brignolo

Pattinaggio Figura: Zagitova e Hanyu, sigillo olimpico sul GP di Helsinki

Pattinaggio Figura: Zagitova e Hanyu, sigillo olimpico sul GP di Helsinki

La prima edizione a Helsinki di una tappa dell'ISU Grand Prix vede la vittoria dei due campioni olimpici. Guignard-Fabbri e Della Monica-Guarise regalano all'Italia un doppio secondo posto.

Il bi-campione olimpico Yuzuru Hanyu fa gara a sè nella gara maschile che ha chiuso il programma della tappa di Helsinki inserita nel calendario per sostituire la tradizionale Cup of China. Il ventitreenne allenato da Brian Orser, dopo i 106.69 punti del Programma Libero, pur sottoruotando il quadruplo Rittberger di apertura e il quadruplo toe-loop raccoglie 190.43 punti nel Programma Libero e chiude, polverizzando la concorrenza a 297.12 punti, miglior punteggio stagionale assoluto. Distanziato di poco meno di 40 punti (257.98) sale sul secondo gradino del podio, come a Skate America, il ceco Michal Brezina mentre il coreano Junhwan Cha si ripete con il terzo posto dopo Skate Canada (243.19).

La campionessa olimpica Alina Zagitova si impone con autorità nella prova femminile nonostante le incertezze nel Programma Corto che non le hanno impedito di imporsi nel primo segmento di gara con più di 5 punti di vantaggio sulle avversarie per poi ampliare il divario con la Carmen del Programma Libero. La sedicenne allieva di Eteri Tutberidze chiude a 215.29 punti portando a casa la terza vittoria su tre apparizioni in una prova di Grand Prix. Con la seconda e la terza del primo segmento di gara, Yuna Shiraiwa e la belga Loena Hendrickx, che si perdono nel Libero, si infiamma la lotta per la piazza d'onore dove la grande prestazione della giapponese Kaori Sakamoto le permette di recuperare 4 posizioni ma a 197.42 punti la ferma a 15 centesimi di punto dalla russa Stanislava Konstantinova, seconda alla prima esperienza in una tappa del Grand Prix.

Alla decima tappa del Grand Prix della loro carriera, i russi Alexandra Stepanova e Ivan Bukin salgono per la prima volta sul gradino più alto del podio nella Danza. La coppia russa, due volte medaglia di Bronzo ai Campionati Europei, raggiunge i 200.09 che sono sufficienti ad avere la meglio sugli azzurri Charlene Guignard e Marco Fabbri che mettono a segno la loro migliore prestazione stagionale nei due segmenti di gara e nel punteggio totale (196.29), migliorando di 4 punti il risultato di Skate America. Secondo posto per loro come a Everett e solo la matematica non permette ancora agli allievi di Barbara Fusar Poli di festeggiare la più che probabile qualificazione alle Finali. Terza piazza e primo podio in una tappa Grand Prix dopo tre partecipazioni per gli statunitensi Lorraine McNamara e Quinn Carpenter, campioni del mondo junior nel 2016 (176.66). Buon esordio con ottavo posto finale e 153.89 punti finali con la soddisfazione della settima piazza nella Free Dance per gli esordienti Jasmine Tessari e Francesco Fioretti.

Secondo posto e miglior piazzamento in una tappa Grand Prix anche per Nicole Della Monica e Matteo Guarise che, con 185.77 punti, si inchinano solo ai favoriti della vigilia i russi Natalia Zabiiako e Alexander Enbert che, per cogliere la prima vittoria Grand Prix, dominano la Danza Libera, nonostante una caduta sul triplo Salchow, con 198.51 punti. La coppia italiana riesce a mantenere 16 centesimi dei 3.79 punti di vantaggio accumulati nel Programma Corto sui campioni del mondo junior in carica, i russi Daria Pavliuchenko e Denis Khodykin che, all'esordio, salgono sul terzo gradino del podio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA