Giovedì 17 Gennaio, 8:58
Utenti online: 1769
Alessandro Bergomi
Alessandro Bergomi
Redazione Sport

Alexander Loginov fa la voce grossa nella Sprint di Oberhof

Alexander Loginov fa la voce grossa nella Sprint di Oberhof

Il russo, che in stagione aveva già raccolto quattro podi, oggi è riuscito a battere Johannes Thingnes Bø.

Il norvegese è stato il migliore sugli sci stretti ma ha pagato caro un errore nella serie in piedi. Uscito con 14” di ritardo dal poligono, nella tornata conclusiva non è stato in grado di tenere il passo di Loginov, perfetto al tiro e molto competitivo nel fondo. Alla fine il distacco tra i due è stato di 25”. Nell’Inseguimento di domani il russo avrà quindi un errore di margine sul rivale.

Molto più incerta è stata invece la lotta per la terza piazza, che ha visto coinvolti Samuelsson, Doll e Peiffer. Al termine di un ultimo giro tiratissimo a spuntarla è stato il giovane svedese, che si è messo alle spalle il campione mondiale e il campione olimpico del format. 

Samuelsson, senza penalità, ha infatti preceduto di 2" Benedikt Doll (0+1), che a sua volta nelle ultime centinaia di metri ha sopravanzato il connazionale Arnd Peiffer, anch'egli impreciso nella serie finale (0+1). Dietro alla coppia tedesca ha chiuso l'austriaco Julian Eberhard 6° (1+0), in rimonta nella seconda parte di gara. Settimo invece Martin Fourcade, parso in leggera crescita rispetto alle gare di dicembre. Il francese ha mancato un bersaglio nella serie a terra e sugli sci ha fatto registrare il 5° tempo, a 20" da Johannes Thingnes Bø.

Sono entrati nella top 10 anche Tarjei Bø 8° (0+1), il francese Simon Desthieux 9° (1+0) e Lukas Hofer 10° (1+0). La gara dell'azzurro era partita in salita con un errore in apertura della prima serie. Hofer ha però poi dimostrato di avere una buona condizione e con un passo sostenuto sugli sci e lo "zero" in piedi ha rimontato diverse posizioni. 

Tra gli italiani è entrato in zona punti anche Dominik Windisch 19° (0+2), in corsa per le posizioni di vertice fino al secondo poligono, dove però ha commesso due errori. Hanno chiuso fuori dalla top 60 Chenal, Montello e Bormolini, che dunque non saranno al via dell'Inseguimento. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA