Domenica 16 Dicembre, 17:18
Utenti online: 2434
Francesco Paone
Francesco Paone

foto di Getty Images

Si ritira a soli 26 anni Jitka Landova, e Gabriela Koukalova le regala un trofeo

Si ritira a soli 26 anni Jitka Landova, e Gabriela Koukalova le regala un trofeo

Ieri è andata in scena la tradizionale serata di gala della federazione ceca di biathlon. Durante l'evento Gabriela Koukalova è stata premiata come "biathleta dell'anno", ma soprattutto Jitka Landova ha annunciato il proprio ritiro dalle competizioni.

Accolta sul palco da una standing ovation, la ventiseienne ha spiegato che la decisione è stata presa in quanto il suo fisico non le permette più di proseguire.

La sindrome da fatica cronica non si risolve "perchè quando dopo tre mesi di riposo assoluto sono tornata sugli sci, ho capito di non poter più riprendere davvero. I medici mi hanno rassicurata, ma ho sempre il timore che sforzandomi al massimo la malattia possa ripresentarsi da un momento all'altro. Se non posso dare tutto, allora tanto vale smettere.

Mi piacerebbe rimanere nell'ambiente del biathlon, adoro ancora la disciplina e le persone che la popolano. Per esempio sul palco Gabriela (Koukalova, ndr) mi ha dato il trofeo ricevuto come biathleta dell'anno. Quando glielo stavo per restituire mi ha detto che non lo rivoleva, era un regalo per me. Allora le ho risposto che lei non è la biathleta dell'anno, ma del secolo.

La mia soddisfazione più grande rimane la stagione 2014-'15, quella in cui sono arrivate 3 vittorie e 5 podi con le staffette e dove abbiamo conquistato quella Coppa del Mondo di specialità.

Adesso andrò all'università di Brno, per un master in educazione fisica. Mi piacerebbe anche cominciare a insegnare o diventare un'allentarice. Ne parlerò con il nostro head coach Ondrej Rybar per capire qual è la strada migliore da seguire. Però non ho nessuna intenzione di stare ferma a congelarmi dietro al canocchiale! Ecco perchè preferirei lavorare con i bambini".

Dunque Landova si ritira a neppure 27 anni (li compirà a luglio). Ha già citato i risultati ottenuti in staffetta. A livello individuale il miglior piazzamento è un 10° posto nella sprint di Ruhpolding del gennaio 2015. Ha inoltre ottenuto un oro e un argento ai Mondiali di skiroll biathlon del 2013.

Per la cronaca, durante la serata di gala sono stati assegnati svariati riconoscimenti. Come detto Koukalova è stata eletta biathleta dell'anno, vincendo sia il voto "tecnico" (175 punti, contro i 100 di Moravec, i 91 di Puskarcikova, gli 81 di Krmcar e 49 di Slesingr), sia quello "popolare" tra i lettori della testata Idnes (dove ha ottenuto un plebiscito, raccogliendo l'82,5% delle preferenze).

Eva Puskarcikova è stata premiata come "atleta più migliorata". Il premio di miglior giovane è andato a Marketa Davidova e quello di miglior allenatore a Zdenek Vitek.

© RIPRODUZIONE RISERVATA