Questo sito contribuisce alla audience de

Teli geotessili sulla Marmolada, al via la sperimentazione

Ghiacciaio Marmolada
Info foto

tredavi

Trentino

Teli geotessili sulla Marmolada, al via la sperimentazione

La società funiviaria della Marmolada sistemerà nei prossimi giorni circa duemila metri di teli sulla pista che scende a valle, nel tratto che segna la transizione tra ghiacciaio e nevaio. Dopo le positive esperienze registrate con la copertura del Ghiacciaio Presena, anche in Marmolada si ricorre dunque alla copertura estiva, anche se per il momento in forma minima. La conferma arriva dal presidente della società, Mario Vascellari, che precisa che la copertura ha anche lo scopo di ridurre l’azione dell’insolazione estiva e risparmiare il lavoro dei gatti della neve e degli impianti di innevamento all'inizio del prossimo inverno.

"Con i teli che sistemeremo in quel punto della pista risparmieremo circa tremila litri di gasolio - dichiara Vascellari - con una riduzione di anidride carbonica in atmosfera di almeno 3600 chili. Inoltre se calcoliamo l'energia utilizzata per portare l'acqua necessaria all'innevamento programmato, possiamo aggiungere un risparmio di circa 20 mila kwh di energia elettrica. Certo, un vantaggio per la società ma anche per l'ambiente".

L'inverno appena trascorso è stato anomalo rispetto alla tendenza registrata negli ultimi anni. Le cospicue e continue nevicate hanno fatto crescere il manto nevoso e la primavera fredda e piovosa ha conservato fino a oggi la preziosa coltre.
L'esperienza positiva del Presena, che nei giorni scorsi è stato ricoperto da circa 90.000 metri quadrati di teli che consentono di conservare quasi 130.000 metri cubi di neve, viene da quest'anno anche sfruttata nella regina della dolomiti anche se su una superficie molto più contenuta (2000 metri quadrati)

Il progetto di copertura della Marmolada con teli geotessili era stato proposto anche lo scorso anno dalla società funivie Marmolada e supportato da Mountain Wilderness, ma la delibera da parte della Provincia di Trento non era arrivata in tempo utile.  Quest'anno si inizia la sperimentazione e se gli esiti saranno positivi ci sarà forse da aspettarsi, come succede sul Presena, un'apertura autunnale anticipata degli impianti e delle piste da sci, per la gioia di tutti i Veneti e Trentini che non possono aspettare dicembre per iniziare a sciare.

2
Consensi sui social