Questo sito contribuisce alla audience de

La pista di bob a Cortina? "Le preoccupazioni sono legate al post Olimpiadi"

La pista di bob a Cortina? 'Forti preoccupazioni per il post Olimpiadi'
Info foto

Getty Images

Olimpiadiimpiantistica

La pista di bob a Cortina? "Le preoccupazioni sono legate al post Olimpiadi"

Parola al numero 1 del Bob Club Cortina, Gianfranco Rezzadore, sulla situazione dell'impianto cruciale per l'intero movimento, non solo in chiave Giochi del 2026.

La scelta di riqualificare il budello di Cortina, grazie al lavoro delle giunte a livello regionale e provinciale, conforta il presidente del Bob Club Cortina, Gianfranco Rezzadore. Il supporto fornito dal governo è un buon auspicio per l'impianto che deve però correre contro l'orologio per completare un'opera che tutti attendono per i Giochi Olimpici di Milano-Cortina 2026. “Finalmente ci siamo, gli aspetti burocratici sono a buon punto, quelli economici erano già stati definiti, mentre la progettazione segue tempistiche previste: di conseguenza si parte, credo non ci siano più ostacoli. Negli ultimi mesi l'amministrazione comunale ci ha contattato per avere il nostro parere sulla bozza del progetto.

A noi preme la sostenibilità della gestione della pista dopo le Olimpiadi”, le parole di Rezzadore sulle colonne de “Il Gazzettino”. Di conseguenza gli esperti hanno virato le loro attenzioni sulla sostenibilità e la sicurezza dell'impianto: “Una delle problematiche che noi abbiamo notato è proprio l'uso della pista dopo il 2026. Alcuni dettagli iniziali del progetto avrebbero determinato problemi per organizzare attività turistiche, ludiche e ricreative”, ha aggiunto Rezzadore.

I lavori inizieranno nell'anno in corso, con il cantiere che si avvierà nel 2023 e da concludere nel 2024 per poi avere il 2025 di prova con i vari test event, ma alcune voci indicano che si rischia di terminare i lavori proprio nel 2025, risultando in ritardo sulla tabella di marcia. Un lavoro gigantesco in cui si dovrà smantellare la vecchia pista Eugenio Monti.

Da ricordare che l'impianto sarà il teatro delle prove di slittino, bob e skeleton per le Olimpiadi di Milano-Cortina 2026. Per quel che concerne il post Giochi, si potrebbe pensare al suo riutilizzo come per il budello di Yanqing, che ha siglato da poco un accordo quinquennale con la IBSF, entrando in maniera definitiva nel calendario di Coppa del Mondo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
54
Consensi sui social