Questo sito contribuisce alla audience de

Fat Bike: quando la Mountain Bike ingrassa

Fat Bike: quando la Mountain Bike ingrassa
Turismo

Fat Bike: quando la Mountain Bike ingrassa

Nel corso degli ultimi anni le fat bike si stanno affermando con determinazione come novità nel mondo degli action sport invernali. Si tratta di bici dotate di maxi ruote pensate per portare là dove le tradizionali biciclette non possono arrivare.

Noi di Neveitalia le abbiamo provate – nella versione elettrica a pedalata assistita - in occasione di un evento stampa sponsorizzato da Polartec a Livigno, lungo la pedonale battuta che si snoda per oltre 20 km lungo tutto il paese.

Sotto una forte nevicata ed in un magico paesaggio imbiancato, grazie all’aiuto del motore elettrico pedalare sulla neve è una passeggiata, e si raggiungono velocità anche oltre i 40 km/h senza grandi fatiche.

Con una bici tradizionale la bici affonda e si blocca dopo pochi metri non appena si scende sotto la velocità di galleggiamento, con la ruota che slitta e perde trazione insabbiandosi.

Con una fat bike invece la salita è agevole anche sulla neve fresca, anche se quando inizia ad essere alta è facile perdere il controllo e la ripartenza è difficile.

Fat in inglese significa “grasso” – con chiaro riferimento alle ruote: in queste bici i cerchi e gomme sono infatti nettamente più larghi del normale.

Queste bici sono pensate per poter pedalare in condizioni di terreno cedevole, sulla sabbia e soprattutto sulla neve. La pressione bassa è poi un trucco per incrementare la superficie di appoggio a terra: una gomma più sgonfia distribuisce il peso del veicolo su di una superficie più ampia.

Si tratta di un fenomeno ormai inarrestabile ed è possibile provarle in tutte le principali località turistiche invernali:

In Lombardia Livigno, visita il sito ufficiale della località, ed Aprica, qui il gruppo su Facebook di MTB Aprica, hanno già abbracciato il fenomeno con convinzione.

Per un’avventura ai piedi del massiccio del Monte Bianco Mount Blanc Aventure propone invece itinerari lungo la Val Ferret con partenza da Planpincieux.

In Piemonte la torinese Vertical Life propone escursioni in fatbike per tutti i i livelli, mentre in Trentino nella zona dell’Alpe Cimbra si organizzano anche suggestivi tour notturni.

A Cortina d’Ampezzo, alle spalle degli impianti di Col Gallina sono state aperte due due piste dedicate alle Fat Bike con dossi e paraboliche per discese gravity - Clicca qui per più informazioni. 

Anche sull’Appennino, ad Abetone, sono tante le opzioni ed è possibile noleggiare le fat bike o essere portati da una guida ad esplorare i boschi innevati nel circondario: qui più informazioni.

In Friuli, a Forni di Sopra, Ecomotion le noleggia e organizza tour lungo la pista da fondo di 15km e in altri percorsi all’interno del Parco Naturale delle Dolomiti Friulane.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
2
Consensi sui social

Approfondimenti

Foto Gallery

Fat Bike

6 foto, ultima del Martedì 16 Febbraio 2016
Cortina d'Ampezzo
Informazioni turistiche

Cortina d'Ampezzo

Cortina d'Ampezzo, San Vito di Cadore, Auronzo di Cadore, Misurina
Courmayeur
Informazioni turistiche

Courmayeur

Cortina d'Ampezzo, San Vito di Cadore, Auronzo di Cadore, Misurina, Courmayeur
Aprica
Informazioni turistiche

Aprica

Cortina d'Ampezzo, San Vito di Cadore, Auronzo di Cadore, Misurina, Courmayeur, Aprica
Folgaria Alpe Cimbra
Informazioni turistiche

Folgaria Alpe Cimbra

Cortina d'Ampezzo, San Vito di Cadore, Auronzo di Cadore, Misurina, Courmayeur, Aprica, Folgaria, Lavarone
Livigno
Informazioni turistiche

Livigno

Cortina d'Ampezzo, San Vito di Cadore, Auronzo di Cadore, Misurina, Courmayeur, Aprica, Folgaria, Lavarone, Livigno, Carosello 3000, Mottolino
Abetone
Informazioni turistiche

Abetone

Cortina d'Ampezzo, San Vito di Cadore, Auronzo di Cadore, Misurina, Courmayeur, Aprica, Folgaria, Lavarone, Livigno, Carosello 3000, Mottolino, Abetone, Cutigliano

Più letti in Turismo

VIDEO - Alla scoperta della pista da fondo di Sella Chianzutan (UD)

VIDEO - Alla scoperta della pista da fondo di Sella Chianzutan (UD)

Situata a circa 950m di altitudine nel cuore delle Prealpi Carniche, Sella Chianzutan è il valico che divide la Carnia dalla Val d'Arzino.
Comodissima da raggiungere dalla cittadina di Tolmezzo e distante appena 60 km dal capoluogo di provincia Udine, l'anello di Sella Chianzutan si snoda lungo la piana situata a valle dell'ormai abbandonato impianto di risalita, completando un itinerario di circa 5km molto suggestivo e piuttosto facile. Scopriamolo in questo video realizzato da Mike e Roberto Tessari.