Questo sito contribuisce alla audience de

Simone Origone oro e Valentina Greggio bronzo ai Mondiali di sci di velocitÓ di Vars

Simone Origone oro e Valentina Greggio bronzo ai Mondiali di sci di velocitÓ di Vars
Info foto

Getty Images

Sci di velocitÓ

Simone Origone oro e Valentina Greggio bronzo ai Mondiali di sci di velocitÓ di Vars

Il 39enne valdostano della Val d’Ayas Simone Origone conquista a Vars il suo sesto titolo mondiale dopo quelli del 2005, 2007, 2009, 2011 e 2013.

Di questi, due rassegne iridate le aveva vinte nel 2009 e nel 2013 proprio nella località del dipartimento delle Alte Alpi che è il tempio della velocità sugli sci. Origone ha toccato la velocità di 228,862 km/h precedendo il francese Simon Billy (227,592) e l’austriaco Klaus Schrottshammer (226,843), quarto il campione uscente Bastien Montes (226,700). Più indietro l’altro azzurro Ivan Origone, fratello minore di Simone, nono (221,538), mentre Emilio Giacomelli è stato eliminato in semifinale.

Tra le donne è purtroppo ufficiale il passaggio di consegne tra Valentina Greggio e la svedese Britta Backlund, trionfatrice con 221,266 km/h davanti alla connazionale Lisa Hovland-Uden (220,318), mentre la 28enne verbanese, vincitrice degli ultimi due Mondiali, si deve accontentare del bronzo con 218,314 km/h, per un’inezia davanti all’incredibile austriaca Nicole Schmidhofer, vincitrice della coppa di discesa dello sci alpino e oggi quarta con 217,590 km/h.

Simone Origone (da fisi.org): "All'ultimo giro la neve era marcia ed è pure caduto un sasso abbastanza grande nella parte alta che mi ha creato molti problemi, per fortuna alla fine è andata bene. Sono stato avanti in tutte le manche, con questo trionfo mi sono imposto in sei occasioni su otto in un Mondiale e mi sembra un ottimo bilancio. Fortunatamente il mio fisico mi sta sostenendo, saranno le ginocchia a dirmi quando smettere, per il momento tengo ancora questi ritmi. E' una vittoria che ha un grande valore, era dal 2013 che mi mancava, negli anni successivi è sempre successo qualcosa che mi ha impedito di ripetermi. Oggi sono dispiaciuto per il risultato di mio fratello Ivan. Il tentativo di record su questa pista previsto nelle prossime settimane al momento è annullato perchè non ci sono le condizioni. La nove non è molta e già ogge siamo partiti dal punto siamo, ma le velocità sono nettamente più basse del record. Dovrebbe nevicare almeno un metro nei prossimi giorni ed è difficile che accada, mi dispiace perchè la forma c'era. Non rimane che concentrarsi sul finale di stagione, rimangono una tappa semrpe qui a Vars e due gare ad Andorra, dove cercheremo di mantenere il primo posto nella classifica di Coppa del Mondo".

Valentina Greggio (da fisi.org): "Per come si erano messe le cose in mattinata è una medaglia guadagnata, per le mie ambizioni di inizio stagione è una medaglia persa. In finale ho sciato bene ma sentivo lo sci inchiodato, in questa stagione fatico a trovare il giusto bilanciamento fra sci e sciolina, oltretutto le condizioni rispetto alle run di venerdì sono cambiate. Passare dal primo posto alla terza posizione un po' mi brucia, però oggi avevo sensazioni giuste e posso ancora risalire la china se trovo la combinazione giusta. La presenza in gara della Schmidhofer? E' un bene che la vincitrice della Coppa del Mondo di discesa femminile si sia cimentata in mezzo a noi, una come lei dispone di migliori sci e di migliori materiali e non è la stessa cosa. Però è arrivata quarta, ciò significa che per affrontare la nostra specialità ci vuole una preparazione specifica".

© RIPRODUZIONE RISERVATA
243
Consensi sui social