Questo sito contribuisce alla audience de

Azzurri dello skeleton a Cortina per cinque giorni di lavoro atletico, dove arriverà anche la nazionale di bob

Foto di Redazione
Info foto

fisi.org

Skeletonallenamenti azzurri

Azzurri dello skeleton a Cortina per cinque giorni di lavoro atletico, dove arriverà anche la nazionale di bob

Dal 20 al 25 giugno, doppio impegno per ragazze e ragazzi del team guidato da Maurizio Oioli.

Il direttore sportivo Maurizio Oioli ha convocato tredici azzurri per il raduno delle squadre di Coppa del Mondo e Coppa Europa di skeleton che si terrà a Cortina, da domenica 20 a venerdì 25 giugno. Agli ordini dei tecnici Milko Campus e Andrea Gallina, gireranno sul pistino di spinta alternando sessioni di atletica i vari Mattia Gaspari, Giovanni Marchetti, Marvin Moscara, Gabriele Marenchino, Pietro Drovanti, Manuel Schwaerzer, Giovanni Pontiggia, Francesco Pellicani, Angel Osakue, Alessandra Fumagalli, Alessia Crippa, Valentina Margaglio e Chiara Duzioni.

Nella stessa località bellunese e sempre per sei giornate di lavoro, ecco arrivare anche 14 atleti della nazionale di bob su pista artificiale; agli ordini dei tecnici Giovanni Mulassano, Simone Bertazzo e Marco Boni, ecco impegnati Patrick Baumgartner, Enrico Gilardini, Eric Fantazzini, Alex Pagnini, Mattia Variola, Lorenzo Bilotti, Alex Verginer, Robert Mircea, Costantino Ughi, Josè Obou, Elena Scarpellini, Giada Andreutti, Tania Vicenzino e Silvia Taini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
67
Consensi sui social

Ultimi in Sport invernali

Val d'Isère, 8 dicembre 1972 e un esordio leggendario. La nostra intervista a Piero Gros a mezzo secolo di distanza

Val d'Isère, 8 dicembre 1972 e un esordio leggendario. La nostra intervista a Piero Gros a mezzo secolo di distanza

Ricorre un anniversario meraviglioso per la Valanga Azzurra e un campione indimenticabile: al debutto assoluto in Coppa del Mondo, un 18enne piemontese scrive la storia vincendo il gigante del Critérium de la Première Neige, ripetendosi 9 giorni più tardi a Campiglio in slalom, di nuovo con un pettorale altissimo. Abbiamo raggiunto il campione olimpico per farci raccontare, 50 anni dopo, la genesi di quel giorno che darà il via ad una carriera formidabile: Ho capito di andar forte tre mesi prima allo Stelvio con Thoeni, ma non pensavo neppure lontanatamente di potermi giocare la vittoria. Neppure dopo quella 1^ manche....